Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Slot. Le imprese di settore dichiarano un reddito doppio rispetto a quello dei professionisti italiani

In: Apparecchi Intrattenimento, Fisco, Newslot, Videogames, Videolottery

30 maggio 2012 - 15:43


awpdietro

Valorizzare le PMI anche e soprattutto nel settore del gioco. Se l’eccellenza della piccola impresa viene punita

 

Slot e modifiche tecniche, ovvero le speranze (svanite) di chi confidava in una ripresa del mercato?

 

(Jamma) Il reddito medio dichiarato per gli studi di settore, lo strumento attraverso il quale pagano le tasse lavoratori autonomi e professionisti italiani , è risultato pari a 27.300 euro per le persone fisiche , 37.500 per le società di persone e 31.600 per le società di capitali ed enti .

Quello delle imprese che operano nella gestione degli apparecchi da intrattenimento è di 55.300 euro. E’ il dato che emerge dalla pubblicazione da parte del Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia delle statistiche sulle dichiarazioni dei redditi del 2011 (anno di imposta 2010). Un dato interessante che risulta essere ancora più importante se confrontato con quello di altre categorie di contribuenti. Taxi, bar, alberghi ma anche gioiellieri e autosaloni, sono ad esempio le categorie dei lavoratori autonomi che dichiarano nel 2011 un reddito inferiore ai 17.000 euro. Per i taxi il reddito è di 14.800 euro, per i bar di 16.800. Spulciando i dati emerge che il reddito medio annuo di un gioielliere è di 17.000 euro. Per gli albergatori di 14.700 euro; per gli autosaloni di 14.800 euro. E ancora: pellicciai 12.200 euro, parrucchieri 12.600 euro, servizi di ristorazione 14.300 euro, stabilimenti balneari 15.400 euro.

Ma chi dichiara redditi medi simili a quelli di un gestore di slot? Gli studi medici o quelli di ingegneria integrata (48.000 euro), i laboratori di analisi medica ( 60.000) e il commercio all’ingrosso di prodotti ortopedici ( 61.000).

Nel 2010 i contribuenti che hanno dichiarato di svolgere una attività di gestione di sala giochi o di gestione diretta degli apparecchi, sono stati in totale 3.297. 2.701 di loro hanno dichiarato ricavi compensi medi di oltre 30.000 euro, 596 ricavi inferiori a 30.000 euro.

 

I numeri nel dettaglio

 

Le imprese individuali che rientrano in questa attività sono 1.616 in totale. Mediamente dichiarano un reddito medio di impresa di oltre 29.000 euro.

 

Le società di persone sono invece 674, per un ricavo medio di 59700 euro l’anno.

 

Le società di capitali sono in tutto 1.007. Ognuna di questa ha dichiarato un reddito di impresa medio pari a 93.000 euro l’anno.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito