Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

A settembre aperte 114 nuove attività nel settore giochi e scommesse

In: Fisco

11 novembre 2013 - 15:55


partite iva

(Jamma) Sono 114 le nuove partite IVA aperte nel mese di settembre 2013 relative ad attività riguardanti lotterie, scommesse e case da gioco. Questo risultato segna una crescita del 9,62% rispetto allo stesso periodo del 2012 mentre registra addirittura una crescita del 62,86% spetto ad agosto 2013. Lo rende noto il Dipartimento delle Finanze, Osservatorio sulle partite IVA sintetizzando i dati di agosto 2013.

A livello generale, nel mese di settembre sono state aperte 40.631 nuove partite Iva; in confronto al corrispondente mese dello scorso anno si registra un lieve incremento (+0,7%).

Relativamente alla distribuzione per natura giuridica, la quota delle persone fisiche nelle aperture di partita Iva è, al solito, fortemente maggioritaria (76,8%); le società di capitali si attestano al 17,3%. Rispetto al settembre 2012 si nota che solo le società di persone mostrano un calo di aperture (-20,5%).

Riguardo alla ripartizione territoriale, il 42,1% delle aperture è stato registrato al Nord, il 23% al Centro e circa il 35% al Sud

ed Isole; il confronto con settembre dello scorso anno mostra aumenti di oltre il 10% in Valle d’Aosta e in provincia di Trento, mentre i cali più marcati sono avvenuti in Abruzzo (-9,1%) e Molise (-7,9%).

La classificazione per settore produttivo evidenzia che il commercio continua a registrare il maggior numero di aperture di partite Iva: il 26% del totale, seguito dalle attività professionali con il 12,4% e dal settore edilizio con il 9,8%. Rispetto al settembre 2012, si sono avuti sensibili aumenti nel comparto finanziario-assicurativo (+23,9%) ed immobiliare (+10,6%), mentre diminuzioni marcate si sono manifestate nell’istruzione (-14,8%) e nel settore artistico/sportivo (-8%) . Stabile il settore delle costruzioni (+0,8%)

In relazione alle persone fisiche, si apprezza un leggero aumento della quota maschile, cui appartiene circa il 64% di aperture di partite Iva. Quasi la metà delle aperture è dovuta a giovani fino a 35 anni e poco più di un terzo alla classe 36-50 anni. Rispetto al corrispondente mese dello scorso anno, solo la classe oltre i 65 anni mostra una flessione, le altre segnano incrementi più o meno contenuti.

Delle nuove partite iva aperte da persone fisiche, 10.687 (pari al 26,3% del totale delle aperture) hanno aderito al regime fiscale di vantaggio riservato ai giovani sotto i 35 anni ed ai lavoratori in mobilità; tale regime limita per cinque anni l’imposta dovuta al 5% degli utili dichiarati, esonerando da Iva e Irap.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito