Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Tar Lombardia: riduzione orari di apertura sale da gioco, a breve il responso dell’udienza

In: Diritto

20 novembre 2014 - 09:48


tar45

(Jamma) – “Ieri mattina abbiamo partecipato all’udienza davanti al Tar Lombardia durante la quale sono stati discussi 8 ricorsi presentati da operatori del settore, con cui è stata impugnata l’ordinanza del comune di Milano che ha ridotto gli orari di apertura e chiusura di sale giochi con Awp e Vlt e di funzionamento dei medesimi apparecchi collocati in esercizi differenti.

 

Hanno preso la parola prima i ricorrenti, poi la difesa del comune ed infine l’Avvocatura dello Stato. Nella discussione sono stati fatti emergere i punti evidenziati nei ricorsi, con particolare riferimento al fatto che: (i) l’articolo 50, comma 7, del Tuel non troverebbe applicazione certamente per la riduzione di orari di funzionamento degli apparecchi, posto che è concepito per la modulazione di orari di apertura e chiusura di esercizi; (ii) comunque non è stato seguito l’iter di approvazione previsto dall’articolo 50, comma 7; (iii) la misura prevista (la riduzione degli orari) non è idonea allo scopo (di proteggere le fasce deboli) perché riducendo l’orario di apertura delle pasticcerie non si diminuisce il numero dei diabetici e si crea il rischio che i golosi si rivolgano alle bancarelle abusive che mettono in vendita prodotti di dubbia provenienza, il tutto anche descrivendo il parere di esperti; (iv) lo Stato centrale più volte invoca esigenze di coordinamento (decreto Balduzzi, legge delega e riforma del titolo V della Costituzione) e individua un ruolo non autonomo di intervento da parte di realtà territoriali; (v) il danno che si determinerebbe con la applicazione dell’ordinanza sarebbe irreparabile ed irrisarcibile per gli operatori (per le conseguenze drastiche di riduzione del fatturato a cui non corrisponderebbe una riduzione dei costi), per i livelli occupazionali, per l’erario (calo di gettito) e per la sicurezza pubblica (dilagare dell’illegalità). Il Giudice si è riservato”.

 

Geronimo Cardia

Commenta su Facebook


Realizzazione sito