Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Scommesse, Cassazione: “Reato di raccolta abusiva anche per singola giocata di poco valore”

In: Diritto

1 settembre 2016 - 16:51


cassazione2

(Jamma) – La Terza sezione penale della Corte di Cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato da un esercente della provincia di Salerno e condannato dalla Corte di Appello del capoluogo per raccolta non autorizzata di scommesse, anche se di importo modesto.

 

“Rileva il Collegio che la natura stessa della contestazione – relativa allo svolgimento continuativo di un’attività organizzata, in difetto di autorizzazione – comporta l’abitualità della condotta, che non si esaurisce in uno specifico momento quale comportamento istantaneo, ma si sviluppa nel corso del tempo senza soluzione di continuità”. Per il Collegio è “irrilevante” il fatto che le accuse siano state mosse in seguito a una sola giocata di poco valore, nel caso specifico di 10 euro. “La rilevanza penale della fattispecie deve essere apprezzata con riguardo all’intero periodo interessato dall’imputazione e non contestato”.



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi