Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Promo Games. Assoluzione a Viterbo

In: Diritto

12 dicembre 2012 - 14:02


tribunale4

 

(Jamma) – Il Tribunale penale di Viterbo ha assolto con sentenza emessa all’udienza del 5 dicembre 2012 un esercente, imputato del reato di cui all’art.4 legge 401/89, per avere installato nel proprio locale totem collegato al sito playnetisland, riproducente giochi aleatori senza le autorizzazioni di AAMS e in difetto di concessione.
L’avv.Marco Ripamonti del Foro di Viterbo, difensore dell’imputato ha sostenuto l’inapplicabilità della disciplina monopolistica e del decreto Balduzzi, riservato ad esclusiva raccolta di gioco on line a vincita in denaro, trattandosi nella fattispecie di giochi promozionali del tutto accessori e connessi a differente attività’ di commercio elettronico e come tali leciti in quanto previsti alla direttiva 31/2000 CE.
Il Tribunale, all’esito dell’audizione degli operanti, ha assolto l’imputato con sentenza ex art.129 CPP, con la motivazione che così’ recita: ” non sussistono elementi di penale responsabilità. Invero la normativa CEE vieta l’uso di giochi a carattere aleatorio senza l’autorizzazione dello stato membro. Nella specie invece trattandosi di gioco senza una posta di vincita per cui è sufficiente la licenza dello stato anche estero, come nel caso di specie l’Austria, in base a quanto ritenuto dalla Corte di Giustizia Europea. Si paga, invero, in tale ultimo caso il gioco e servizio, ma non si vince una posta”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito