Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Gioco online, la Commissione Europea deferisce la Svezia per il mancato adeguamento al diritto europeo

In: Diritto

16 ottobre 2014 - 15:27


cortegiustiziaeu

(Jamma) – Oggi la Commissione Europea ha deferito due volte la Svezia alla Corte di Giustizia Europea per la sua persistente incapacità a rispettare il diritto dell’UE nei casi dei servizi di scommesse e poker online.

 

Si tratta di una decisione che rappresenta un importante passo avanti perché è la prima volta che la Commissione Europea ha deferito uno Stato membro alla Corte per la sua legislazione sul gioco d’azzardo online. Un certo numero di altri casi pendenti sono pronti per essere presi in esame e da novembre 2013 nuovi procedimenti d’infrazione sono stati aperti.

 

Maarten Haijer, Segretario Generale della EGBA ha detto: “EGBA supporta pienamente e si congratula con la Comunità Europea per aver preso questa decisione. E’ un passo avanti che dimostra un forte impegno nel sostenere le libertà fondamentali europee. Alla Svezia sono stati dati molti anni per rendere conforme la propria legislazione, ma purtroppo c’era poco impegno per il cambiamento”.

 

Haijer ha poi aggiunto: “EGBA si aspetta che anche gli altri Stati membri presto saranno sottoposti alla Corte. C’è una lunga lista di casi pendenti che sono pronti per essere portati in tribunale. Nessuno Stato membro, indipendentemente dalle sue dimensioni, dovrebbe essere esentato dal controllo. Tuttavia, EGBA è pronta a sostenere qualsiasi Stato membro che ora decida di riformare la propria legislazione per garantire la conformità con le norme comunitarie”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito