Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Ennesima conferma di “non competenza” per i Monopoli di Torino ad emettere sanzioni per violazione dell’art. 110, comma 9, lettera F-ter circa l’uso di personal computer per collegarsi a siti di gioco

In: Diritto

25 giugno 2015 - 08:22


avianello

(Jamma) – É ancora una volta frutto dell’attento lavoro degli avvocati Andrea Vianello (foto) e Marco Colapinto, entrambi del foro di Padova e legali del noto bookmaker maltese operante in Italia con il marchio Cloverbet, la conferma della non competenza di AAMS ad emettere l’ordinanza ingiunzione con conseguente confisca dei personal computer per violazione dell’art. 110, comma 9, lettera f-ter T.u.l.p.s. che determina, a tutt’oggi, per molti punti legati ad altri bookmaker non solo la distruzione dei personal computer ma anche la comminazione di pesanti sanzioni.

A fondamento di questo risultato un accurato coordinamento delle specifiche norme di settore da parte degli avvocati patavini, caratterizzate da un tecnicismo tale da aver a più riprese indotto gli stessi giudici, mal guidati dalle parti, a macroscopici errori di diritto.
É infatti di questi giorni l’esito infausto per un diverso bookmaker di una impugnazione dei Monopoli avverso una sentenza ad essi sfavorevole in primo grado, emessa dalla Corte di Appello di Torino. Tale ribaltamento, ad avviso dei legali patavini, è il frutto, al di là delle poco convincenti difese di diversi bookmaker, di “peripezie interpretative” con le quali nemmeno gli esperti consulenti legali dei Monopoli avrebbero mai sperato di poter indurre in errore i giudici civili, evidentemente meno esperti dei loro colleghi del settore penale.
Peraltro la decisione della Corte di Appello trova la sua causa in altra lacuna difensiva del diverso bookmaker: l’incompetenza dei Monopoli di Stato non può essere rilevata d’ufficio ma deve essere censurata dalle parti in causa, con motivazione adeguata e riscontrata da idonee allegazioni documentali.
Sta di fatto che per gli avvocati Andrea Vianello e Marco Colapinto, gli unici fautori di tale eccezione difensiva, anche all’udienza del 19 giugno 2015 il giudice definitivamente pronunciando, ha accolto l’eccezione di incompetenza dei Monopoli di Torino annullando l’ordinanza ingiunzione emessa dalla Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (AAMS).
Immensa soddisfazione viene espressa per i risultati dall’intero gruppo maltese.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito