Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Accolto il ricorso Bplus su restituzione 0,5% del Preu

In: Cronache, Diritto

31 agosto 2012 - 15:27


consigliostato

(Jamma) Il Consiglio di Stato ha accolto l’appello presentato dalla società Bplus e con una sentenza ha “sbloccato” le somme anticipate dai concessionari delle slot e trattenuti dai Monopoli di Stato come deposito cauzionale. La legge prevede che ai concessionari possa essere restituito fino allo 0,5% delle giocate in base ad alcuni requisiti di adeguamento e sviluppo della rete slot. L’ultima richiesta dei Monopoli prevedeva anche l’inserimento di dispositivi GPS all’interno delle centraline che collegano le macchine alla rete di Aams e Sogei per individuare la loro collocazione sul territorio. Una soluzione che, secondo BPlus, era troppo costosa, oltre che poco affidabile se paragonata ad altri sistemi di controllo.

Secondo il Consiglio di Stato, anche se l’Amministrazione “può sempre imporre attività di adeguamento tecnologico”, è tenuta anche a individuare “la soluzione più adeguata e coerente con l’obiettivo perseguito, con il minor sacrificio per il privato”. Per il 2011 il rimborso ai concessionari è stato di 133 milioni di euro, lo 0,5% degli oltre 29,7 miliardi di euro raccolti dagli apparecchi lo scorso anno. Per il biennio la somma complessiva dovrebbe essere intorno ai 250 milioni di euro. Le somme versate dai concessionari delle New Slot ai Monopoli di Stato come cauzione per mantenere adeguati livelli di servizio, “sono di proprietà dei concessionari”, riporta la sentenza, e la loro restituzione “non corrisponde all’ammontare degli investimenti realizzati”. I concessionari, in ogni caso, sono tenuti ad “effettuare investimenti di adeguamento tecnologico della strumentazione utilizzata”, ai quali devono far fronte “attraverso le somme del fondo di adeguamento” o con risorse proprie

 

http://www.jamma.it/adi/newslot/ricorso-bplus-su-restituzione-05-del-preu/

Commenta su Facebook


Realizzazione sito