Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Uk. Gli inglesi sono soddisfatti di come lo Stato regolamenta e vigila sulla pubblicità al gioco d’azzardo

In: Cronache

31 ottobre 2014 - 10:19


Picture illustration taken in Paris shows the Ladbrokes and PaddyPower Sport betting websites on electronic devices

(Jamma) Le decisioni della Advertising Standards Authority, l’autority britannica che vigila sul rispetto delle regole in materia di pubblicità, sono in linea con quanto l’opinione pubblica chiede relativamente al controllo sulla pubblicità sul gioco. E’ quanto fa sapere la stessa autority pubblicando il primo report sulla attività svolta negli ultimi cinque anni. L’ASA ha però sottolineato che resta la preoccupazione dei consumatori sulla pratica delle cosiddette promozioni libere.
L’ASA, che lo scorso anno ha gestito 398 reclami in materia di pubblicità sul gioco, fa sapere che gli inglesi si dicono in genere soddisfatti di come viene regolamentata la pubblicità sul gioco d’azzardo, un risultato in linea con l’obiettivo di proteggere i giovani e le persone più vulnerabili.
L’autority ha appena completato una revisione della sue competenze in materia di pubblicità sul gioco d’azzardo a seguito delle modifiche alla legge del 2007, norme che hanno portato ad una liberalizzazione del mercato e quindi a una maggiore attività promozione.
Attraverso una ricerca avviata nei mesi scorsi l’ASA ha potuto rilevare che il pubblico approva il modo in cui procede nella verifica dell’attività di pubblicità ma attraverso la stessa ricerca è emerso che ci sono ancora dubbi sulle promozioni “free bet” ; alcuni annunci presentano ancora temi come “durezza, resilienza e sregolatezza”, che sono vietati dalla ASA. Alla ASA si chiede quindi di agire in modo più proattivo sugli annunci che potenzialmente violano le regole
L’ASA assicura di intervenire su questa questione lavorando a stretto contatto con il Dipartimento per la Cultura, Media e Sport e la gambling Commission.
Dalla ricerca è emerso anche che in quasi tutti i casi di reclamo sono state ampiamente trattate e che le regole in materia di pubblicità sono ritenute sufficienti per quanto riguarda i contenuti e il come la pubblicità viene veicolata.
Guy Parker, amministratore delegato della ASA, si dice felice per il fatto che “le decisioni sono in linea con le opinioni della gente ma non siamo completamente soddisfatti: ci sono settori su cui dobbiamo lavorare per garantire che ogni annuncio del Regno Unito sia un annuncio responsabile . ”
Una delle pubblicità che ha ricevuto più reclami è quella di Paddy Power “”money back if [Oscar Pistorius] walks” , tanto che l’ASA ha dovuto sospendere la pubblicità in attesa di chiudere l’indagine.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito