Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Torino. Barbara Cervetti ( Gruppo Moderato) a sindaco Fassino: “Va sollecitata una modifica alla normativa nazionale su installazione sale giochi”

In: Cronache

12 settembre 2014 - 14:02


Piero_Fassino

 

(Jamma) La commissione Legalità ha discusso e liberato per il prossimo Consiglio comunale un mio ordine del giorno contro il gioco d’azzardo. E’ quanto fa sapere la consigliera Barbare Cervettim, in quota al Gruppo moderato .  
Con questo documento invito la Città di Torino, in particolare il sindaco Piero Fassino, a farsi promotore presso il Governo nazionale e quello regionale di soluzioni concrete volte a risolvere la piaga sociale legata al gioco d’azzardo.
Solo un lavoro sinergico può combattere la ludopatia, un disturbo del comportamento grave che rovina la vita delle persone, portate a spendere più di quello che hanno, ad indebitarsi, a incrinare i rapporti familiari con conseguenze spesso drammatiche che in casi estremi sfociano persino nel suicidio.
In particolare chiedo una modifica delle slot machine per vincolarne l’accesso con l’inserimento del proprio codice fiscale così da impedirne l’uso da parte dei minorenni e di coloro che risultino dipendenti dal gioco.
Sollecito inoltre una modifica restrittiva dell’attuale normativa nazionale per limitare gli orari di apertura e proibire la presenza di sale a distanza minore di 200 metri da luoghi sensibili (quali ospedali, case di cura, istituti di riposo, scuole, luoghi di culto – come da Regolamento della Polizia Amministrativa del Comune di Torino – articolo 19, comma 4).
Inoltre, credo sia giusto vietare ogni forma di pubblicità, sia diretta che indiretta, realizzata in qualsiasi forma, che possa favorire e incentivare l’accesso al gioco
La ludopatia è un male che le Istituzioni devono combattere insieme, attraverso la prevenzione e la regolamentazione. Su mia proposta si terrà un tavolo di confronto a cui saranno presenti consiglieri comunali e regionali. E’ importante che la città di Torino e la Regione Piemonte facciano sentire la loro voce.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito