Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Tempi sempre più duri al casinò di Sanremo. Ad aprile la raccolta crolla a 4,7 milioni di euro

In: Casinò, Cronache

3 maggio 2012 - 11:21


Semeria (Snalc): “Il CdA non è più in grado di assicurare la crescita”

 

Un nuovo casinò Merkur viene inaugurato nei Paesi Bassi

 

(Jamma) La raccolta della casa da gioco matuziana registra nel mese di aprile una raccolta in picchiata con un -27,46% rispetto allo stesso mese del 2011. Il Casinò ha introitato 4 milioni e 799 mila euro, vale a dire ben un milione e 816 mila euro in meno. Sono crollati i giochi da tavolo, che hanno incassato un milione e 361 mila euro, poco più della metà (il crollo è stato infatti del 47,41 per cento) di quanto ottenuto nello stesso mese dell’anno scorso; e hanno continuato a patire le slot machines, che si sono fermate a 3 milioni e 437 mila euro, il 14,63 per cento (pari a 589 mila euro) in meno rispetto all’aprile 2011. Ovviamente in calo anche gli ingressi, che sono stati 55.416, vale a dire 7.693 in meno (il 12,19 per cento) a confronto con lo stesso mese dello scorso anno.

Il confronto con l’aprile 2011 – quando il Casinò aveva ospitato la semifinale dell’European poker tour, che in una settimana aveva prodotto 1,5 milioni di euro – rende ancora più impietoso il bilancio della casa da gioco nel primo quadrimestre di quest’anno, portando il calo degli incassi, rispetto all’anno scorso, ad oltre il 20 per cento.

I numeri di aprile, come detto aggravati dall’assenza del “fattore Ept” da cui si era tratto beneficio un anno fa, confermano e aggravano la pesante crisi ormai in atto da tempo.

 

Nel primo quadrimestre dell’anno, il Casinò è arrivato a quota 18 milioni e 120 mila euro, con un crollo di 4 milioni e 671 mila euro (il 20,81 per cento di cui si diceva all’inizio) rispetto allo stesso periodo del 2011. I giochi tradizionali hanno totalizzato, dal primo gennaio al 30 aprile, 4 milioni e 972 mila euro, con un calo del 24,76 per cento (pari a un milione e 635 mila euro); le slot machines hanno incassato 13 milioni 148 mila euro, con una flessione del 19,21 per cento, che in termini assoluti “vale” però ben 3 milioni e 125 mila euro. Infine, gli ingressi del quadrimestre sono stati 211.769, cioè 30.584 in meno (il 12,62 per cento) a confronto con lo stesso periodo del 2011.

Pur, ovviamente, ammettendo che c’è una crisi strutturale – che impone un’ulteriore riduzione dei costi e il tentativo di rinnovare l’offerta di gioco, condizionato però dall’attesa della ricapitalizzazione societaria da parte del Comune –, dalla Casinò Spa sottolineano appunto che «dal 25 al 30 aprile 2011 la semifinale dell’Ept aveva prodotto un incasso record di 1,5 milioni di euro e la presenza di 891 pokeristi.

Con l’attuale passo, il Casinò rischia di chiudere l’anno a 52-53 milioni di euro, contro i 64,3 dello scorso anno. Calcolando i costi di gestione, dell’ordine di 49 milioni di euro, al Comune resterà un un utile di pochi milioni.

 

 

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito