Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Spagna. Si costituisce il fronte del no al progetto Eurovegas

In: Cronache

15 marzo 2012 - 14:37


(Jamma) Una ventina di associazioni civiche e professionali si sono costituite in piattaforma per dire ‘no’ al progetto ‘Eurovegas’ del miliardario statunitense Sheldon Aldeson, che punta a realizzare Madrid o a Barcellona una mecca del gioco d’azzardo sul modello di Las Vegas. Nata all’insegna dello slogan ‘Eurovegas no’, la piattaforma è stata presentata oggi a Madrid e ha in programma una serie di iniziative per opporsi alla realizzazione della città del gioco, che, secondo i promotori, prevede un investimento di 17 miliardi di euro con la creazione di 180.000 posti di lavoro fra diretti e indiretti.

Come ha spiegato il portavoce della piattaforma, Carlo Ruiz, le cifre sulla creazione di posti di lavoro “non sono credibili” ed Eurovegas non è sostenibile, perché “non comporterà sostanziali miglioramenti economici e finanziari per gli spagnoli; viola i diritti costituzionali; aumenta la precarietà dell’impiego e perpetua un modello di sviluppo fallimentare basato sulla speculazione immobiliare”. In sintesi “crea uno stato di eccezione in materia fiscale, lavorativa, ambientale e legislativa”. Il progetto comporterebbe l’edificazione di sei casinò, 12 alberghi per complessive 36.000 camere, nove teatri, tre campi da golf. Il magnate del gioco Aldeson da settimane è in trattativa con le amministrazioni comunali e regionali di Madrid e Barcellona, alle quali avrebbe chiesto, in cambio dei suoli, l’esenzione per 2 anni del pagamento dei contributi previdenziali dei lavoratori; l’aiuto del governo spagnolo a ottenere un credito per 25 milioni di euro dalla Bei; l’esenzione dall’Iva; l’abolizione del divieto di fumo nei casinò e del divieto di accesso per minori e ludopati, secondo quanto riferito dalla stampa iberica. Della piattaforma ‘Eurovegas no’ fanno parte, fra le altre, l’Associazione libera di Avvocati, Attac, Ecologistas en Accion, il Foro del Turismo Responsabile, il gruppo di economia del Movimento del 15 maggio, Acces Info Europe, Acsur, l’Assemblea popolare di Alcorcon 15-Maggio, e varie associazioni territoriali. La prima iniziativa di protesta sarà la concentrazione convocata per sabato 17 a mezzogiorno nella madrilena Plaza del Sol per dire “no” alla Las Vegas iberica.


Nessun articolo correlato trovato

Commenta su Facebook


Realizzazione sito