Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Snai Vs Barcrest, prima udienza al Tribunale Civile rimandata a novembre

In: Cronache

28 agosto 2014 - 17:32


vlttasto

(Jamma) Si terrà il 27 novembre prossimo la prima udienza relativa al contenzioso tra Snai e la britannica Barcrest relativa alla vicenda del malfunzionamento della piattaforma per le Videolotterie.
Il 16 aprile 2012, si è verificato, sul Sistema Barcrest (una delle piattaforme VLT che la Società al tempo utilizzava), un anomalo picco di richieste di pagamento di “jack pot” a fronte di ticket solo apparentemente vincenti e di importo nominale vario, ricompreso nel limite regolamentare
di euro 500.000,00 o anche di gran lunga eccedente tale limite.
A seguito di tale episodio la SNAI ha immediatamente bloccato il Sistema Barcrest – anche a seguito del provvedimento di blocco emesso da AAMS – al fine di effettuare le
necessarie verifiche e ispezioni. All’esito delle verifiche condotte, anche mediante l’ausilio di tecnici informativi indipendenti, è emerso che nessuna vincita di Jackpot è stata generata dal Sistema Barcrest nel corso dell’intera giornata del 16 aprile.
Tale evento ha comportato che alcuni portatori dei biglietti “apparentemente” vincenti hanno incardinato cause ordinarie al fine di ottenere il pagamento degli importi indicati sui ticket
emessi dalle VLT Barcrest durante tale malfunzionamento e il risarcimento dei danni subiti.
In particolare fino ad ora sono stati promossi 91 procedimenti tra cui sono compresi 10
decreti ingiuntivi provvisoriamente esecutivi.
In tutti procedimenti SNAI si è costituita e si costituirà in giudizio contestando le richieste di pagamento in considerazione del fatto che  nessun “jackpot” è stato validamente conseguito nel corso dell’intera giornata del 16 aprile 2012.
Nel corso del 2012 SNAI ha citato Barcrest e la sua controllante per il risarcimento di tutti i profili di danno conseguenti al malfunzionamento. Le società con venute si sono costituite contestando le pretese di SNAI e chiedendo la sua condanna al pagamento di presunti crediti corrispettivi e al risarcimento del danno.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito