Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Sanremo. I sindacati contro la Casinò Spa: ‘No ai licenziamenti’

In: Casinò, Cronache

9 agosto 2012 - 11:48


(Jamma) I sindacati dicono no a licenziamenti nella casa da gioco di Sanremo. La volontà del presidente Giuseppe Di Meco di procedere a una riorganizzazione strutturale, che prevede tra l’altro una «drastica riduzione del numero dei lavoratori dipendenti», si scontra con la forte contrarietà delle organizzazioni sindacali. La Cgil attacca l’azienda e il suo management.

Licenziamenti. Il sindacato osserva: «Anzichè esprimere una critica nei confronti del suo management, l’azienda individua nel personale la causa della perdurante crisi aziendale, prevedendo un esubero di circa 100 dipendenti e un ulteriore ridimensionamento dei giochi francesi (costi eccessivi rispetto ai ricavi)». Aggiunge: «Tagliare il personale non serve, se continuano a non arrivare clienti che portino “ossigeno”. E’ chiaro che i dipendenti siano un costo: se continuerà così peseranno sul bilancio non per il 65%, ma per il 100%. Purtroppo siamo in una crisi a fronte di tagli e non di investimenti».

No anche agli «happy hour» per attirare i clienti: «A chi gioca vengono già offerte bevande e cene».

La Cgil contesta anche l’attivazione dei contratti di solidarietà, con diminuzione degli stipendi del 30-40%: «Vorremmo ricordare che sono regolati per legge e che, a fronte della diminuzione di stipendio, corrisponde una diminuzione delle ore lavorate. Senza ricorrere agli interinali. Inoltre, occorre l’approvazione della maggioranza dei dipendenti», afferma Paolo Marengo.

Particolare attenzione è posta dal sindacato della sinistra sugli interinali, che prestano il cosiddetto lavoro «somministrato», per i quali la giunta chiede massima attenzione, onde evitare possibili nuove cause: «Sono precari che guadagnano come un dipendente del casinò, ma costano di più, perchè pesa anche la percentuale per l’agenzia. Perchè non assumerli con contratto di apprendistato o part-time? Costerebbero la metà».

Commenta su Facebook


Realizzazione sito