Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Romania. Il governo fa marcia indietro : “Sanzioni a chi gioca d’azzardo online? Solo in rarissimi casi”

In: Cronache

26 ottobre 2015 - 15:18


odette

(Jamma) Sono pochi, anzi pochissimi gli scommettitori rumeni sanzionati per aver giocato online su siti non autorizzati dallo Stato. A poche settimane dall’annuncio che ha fatto drizzare i capelli all’industria del gioco e non solo il Governo rumeno torna sui suoi passi e ridimensiona quello che tutti hano interpretato come un pugno di ferro contro le scommesse online.

Odeta Nestor, presidente dell’ ONJN, il regolatore del mercato del gioco ha precisato nel corso di una intervista televisiva che solo pochi dei 50.000 romeni che hanno scommesso su siti illegali sarà multato. La maggior parte riceverà solo degli avvertimenti. La Nestor sostiene che la sanzione di un importo che va dai 5.000 ai 10.000 lei contestata per qaver giocato sui siti web di bet365 e bwin è stata contestata solo in pochissimi casi.
Il criterio per stabilire chi riceverà la sanzione è legato all’importo delle vincite e delle giocate effettuate dai giocatori. Gli ispettori dell’ONJN hanno identificato e segnalato solo un piccolo numero di giocatori che hanno eseguito centinaia di migliaia di euro di scommesse. “Oltre l’80 per cento dei giocatori ha scommesso piccole somme . Non possiamo però limitarci solo ad un avvertimento per tutti. Mi dispiace per la situazione, ma la legge deve essere applicato, altrimenti gli ispettori ONJN penserebbero di aver fallito “ ha detto Odeta Nestor. “Le imprese che non sono state autorizzate hanno consapevolmente violato la legge. I loro avvocati sono stati informati da noi, e, a loro volta hanno informato i loro clienti. Mai tutti i bookmaker hanno volutamente omesso di informare i loro clienti in merito alla legge” . “La Romania ha perso ogni anno per le mancate imposte sul gioco online circa 100 milioni di euro. Finora, abbiamo ricevuto 62 milioni di euro. I due più grandi bookmakers che hanno causato questa situazione hanno mancato di versare negli ultimi cinque anni circa 40 milioni di euro. Penso che sia sbagliato proteggere coloro che hanno truffato lo Stato così a lungo “, ha aggiunto Odeta Nestor.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito