Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Macao. Grazie al gioco, nel 2013 PIL crescerà oltre 14%

In: Cronache

10 gennaio 2013 - 11:10


macao sand cotai
Bollino anti slot, Capiago apripista nel Comasco

 

Svizzera. Hermann Bürgi è il nuovo presidente della Commissione federale delle case da gioco

(Jamma) Quale Paese crescerà di più economicamente nel 2013? Secondo una classifica stilata dall’Economist Intelligence Unit (Eiu), una società indipendente che fa parte del gruppo editoriale dell’Economist, la medaglia d’oro va a Macao che durante l’anno in corso vedrà il proprio pil crescere di oltre il 14%.
Secondo l’Eiu il 2013 sarà un altro anno di crisi per gran parte delle economie occidentali ma non tutto il globo si accoderà all’Unione Europea e agli Stati Uniti. L’anno appena iniziato porterà una forte crescita economica a molti paesi soprattutto asiatici e africani.
La medaglia d’oro va a Macao che durante l’anno in corso vedrà il proprio pil crescere di oltre il 14%. La regione amministrativa speciale cinese può sfruttare le enormi entrate derivanti dal gioco d’azzardo che nel resto del paese è vietato dal regime comunista.
Al secondo posto troviamo la Mongolia con un’aspettativa di crescita tra il 13% e il 14%. Anch’essa, tuttavia, brilla di luce riflessa ovvero dello sviluppo economico da una parte della Cina e dall’altra della Russia.
Sul gradino più basso del podio troviamo la Libia che nel 2013, secondo gli analisti dell’Eiu, crescerà intorno all’11%. Ritrovata la stabilità politica, quindi, anche la Libia potrà tornare a sfruttare le sue massicce risorse naturali.
Fuori dal podio troviamo Gambia, Angola e Bhutan con una crescita del 9%. Al settimo posto, finalmente, troviamo la Cina che vedrà il proprio pil crescere intorno all’8%. Dietro al Dragone, ma con una crescita più o meno comparabile, troviamo Timor Est, Iraq e Mozambico che vanno così a chiudere la classifica delle economie più dinamiche.
La stessa Eiu, tuttavia, stila anche la classifica di chi farà peggio nel 2013 e qui le economie europee rientrano a pieno titolo. Maglia nera, infatti, va alla Grecia che vedrà il proprio pil contrarsi del 5% circa.
Meglio della Grecia, ma comunque male, andranno le economie di Portogallo (-3% circa), Spagna, Iran (-2% circa), Siria, Olanda e Italia (-1% circa), Cipro e Croazia (tra la stagnazione e il -1%). Più in generale, il pil dell’eurozona per l’anno in corso è visto in un sostanziale stallo.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito