Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Lombardia. Primo step per il regolamento accesso sale giochi e slot. I noslot chiedono più rigore nella stesura del provvedimento

In: Cronache

11 settembre 2014 - 16:13


lombardiaslot

(Jamma) Cambia – questa settimana il primo passaggio in commissione Attività produttiva della Lombardia – il regolamento per l’accesso ai locali dedicati al gioco d’azzardo lecito (tutte le sale giochi e i locali con più di tre apparecchi), come previsto dalla legge regionale 8/2013 appositamente varata per il contenimento della ludopatia.

Per le sale giochi è resa obbligatoria l’esibizione della carta di identità, mentre bar e tabaccherie con più di tre apparecchi dovranno creare un’area apposita, delimitata da strisce adesive, e non potranno posizionare slot machine all’esterno.

I gestori dovranno inoltre esporre il materiale informativo messo a disposizione delle Asl, collaborare con gli operatori sociali per dare sostegno agli utenti a rischio dipendenza, vietare il gioco ai minori di 18 anni.

“Abbiamo chiesto maggior rigore nella stesura del Regolamento per l’accesso alle sale del gioco d’azzardo” spiega il consigliere Michele Busi. 

Al centro del dibattito infatti una delle questioni emerse già in fase di esame della bozza del provvedimento, ovvero l’impossibilità di stabilire sanzioni nei confronti dei trasgressori. Una questione sollevata già dei funzionari della Regione a cui è stata affidata la stesura della bozza.

La Commissione, presieduta da Angelo Ciocca, ha quindi chiesto di rinviare il testo del provvedimento agli uffici competenti per la risoluzione di quelle stesse problematiche già evidenziate prima dell’approvazione del regolamento da parte della giunta regionale nell’agosto scorso.

Già a giugno i membri del Gruppo di Lavoro Interdirezionale per l’attuazione della disciplina regionale sulla prevenzione ed il trattamento del gioco d’azzardo patologico, previsto dalla legge regionale, avevano lavorato su diverse proposte.
Tra le questioni più dibattute e su cui i membri del Gruppo di Lavoro avevano formulato suggerimenti c’è la modalità di delimitazione delle aree di gioco e l’introduzione dell’obbligo da parte del giocatore di mostrare la carta di identità per poter accedere agli apparecchi di gioco. Si tratta di due obblighi la cui osservanza richiede inevitabilmente il coinvolgimento dell’esercente anche se non è ben chiaro come potrebbe essere messo nelle condizioni di farlo. Il regolamento di accesso è rivolto a due tipologie di esercizi, cioè sia ai locali dedicati all’esercizio del gioco d’azzardo lecito in cui vengono installati gli apparecchi da gioco, sia agli esercizi con attività prevalente, quali ad esempio bar, tabaccherie, che possiedano più di tre macchine da gioco, dalle quattro apparecchiature in su.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito