Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Il Texas Hold ‘Em sbarca in Cina

In: Cronache

13 dicembre 2012 - 08:48


poker

(Jamma) Dopo il boom del poker a torneo in Europa e negli Stati Uniti imprese e giocatori sperano di esportare il gioco anche in Cina .

Per diffondere questa modalità di gioco giocatori noti al pubblico e società che opera a livello internazionale stanno fondando accademie e organizzano tornei.

Gli addetti ai lavori sostengono che il gioco sta diventando una vera e propria moda in Cina , soprattutto tra i giovani. Ma l’impresa non si sta rivelando così semplice. Il gioco d’azzardo online e poker tradizionale sono illegali in Cina, mentre i tentativi per rendere popolare il gioco a Macao, dove il gioco d’azzardo nei casinò è legale, sono ostacolati dai limiti imposti dal governo.
Un test test per sapere come andrà in futuro è previsto per venerdì prossimo quando circa 530 giocatori si riuniranno in un hotel nella località turistica di Sanya per quello che viene pubblicizzato come il primo e più importante torneo di Texas Hold ‘Em.

La maggior parte dei giocatori sarà cinese. “Non è stato facile ottenere l’approvazione, perché si tratta di qualcosa di nuovo” ha spiegato EricYang, rappresentante dei una dele società organizzatrici, la OurGame.

Gli sponsor sostengono di aver ottenuto il permesso dalle autorità locali e provinciali per ospitare l’evento classificando come uno sport, piuttosto che gioco d’azzardo. Il premio di 700.000 dollari proviene da sponsor pubblicitari e non dalle quote dei giocatori.

“Il poker in Cina è una grande area grigia”, ha detto A.J. Brock, presidente di Poker King Club di Macao.

Anche se il gioco d’azzardo on line è illegale, i giocatori possono ancora accedere ai siti, secondo gli esperti. Secondo Gambling Capital H2 circa 210.000 conti di poker online, ovvero il 2,5% dei conti gioco di tutto il mondo, provengono dalla Cina continentale.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito