Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Giochi, nel mirino delle Dogane e dei Monopoli controlli per il “decreto Balduzzi” e tutoraggio per i grandi concessionari

In: Cronache

18 agosto 2014 - 12:10


peleggi giuseppe

(Jamma) – Recuperare 1,4 miliardi di diritti doganali, raggiungere il 38% di positività nelle verifiche Iva e il 33% per la sotto fatturazione. Un milione e duecentomila controlli su dogane e accise.
Il tutto con un potenziamento dell’attività di intelligence e, soprattutto, un ampio ricorso all’informatica per il miglioramento del sistema doganale, del dialogo telematico e dell’interoperabilità con le altre amministrazioni nazionali,gli organi della Ue e le amministrazioni degli altri stati membri. È quanto prevede il piano d’azione 2014 dell’agenzia delle Dogane e dei Monopoli, allegato alla convenzione siglata a fine luglio con il dipartimento delle Finanze. Il programma dei controlli dovrà aumentare il livello di vigilanza e di presidio nel settore doganale, delle accise, dei giochi e dei tabacchi. In sostanza – si legge su Il Sole24 Ore – come ha scritto lo stesso direttore delle Dogane, Giuseppe Peleggi, si dovranno potenziare le azioni di contrasto sia dell’evasione tributaria sia degli illeciti extratributari.
Nel mirino soprattutto la sottofatturazione e la contraffazione e l’aumento degli interventi per assicurare il corretto versamento di dazi doganali, dell’Iva e delle accise. Con un obiettivo: accertare maggiori diritti doganali e di accise per 1,4 miliardi di euro e raggiungere almeno il 38% di positività nelle verifiche Iva (Intra e plafond), il 19,5% nella contraffazione e il 33% nella sottofatturazione. Oltre agli 1,2 milioni di controlli pianificati su dogane e accise, infatti, ne vengono previsti 31mila per contrastare la contraffazione e 6.900 per combattere fenomeni di sotto-fatturazione nei settori a rischio e da Paesi considerati pericolosi. Ci sono poi 38mila controlli da effettuare in materia specifica di accise di competenza doganale. Per restare in tema di accise, ma quelle sui tabacchi, le Dogane sono pronte a mettere in campo 7mila verifiche sull’intera rete distributiva al dettaglio, almeno mille analisi di laboratorio per verifìcare la conformità dei prodotti da fumo e altri 600 controlli mirati sui depositi fiscali di distribuzione dei tabacchi lavorati.
L’altro fronte caldo per l’attività di contrasto programmata dalle Dogane e soprattutto dai Monopoli è quello del gioco. A partire dal tutoraggio per i grandi concessionari: l’obiettivo è arrivare a un 10% quest’anno, salire al 30% nel 2015 ed essere in grado nel 2016 di accompagnare e assistere nei loro obblighi fiscali e concessori almeno il 50% dei concessionari. In primo piano ci saranno poi i 12mila controlli del cosiddetto “decreto Balduzzi” contro il gioco minorile, nonché i 19mila controlli che dovranno verificare il corretto funzionamento delle slot cui si dovranno aggiungere le verifiche di almeno il 20% delle autocertificazioni richieste per l’iscrizione nel registro degli operatori di gioco degli apparecchi da divertimento e da intrattenimento. A questi si devono sommare almeno 4mila controlli sugli esercizi che effettuano la raccolta delle scommesse. Nel mirino potrebbero finire soprattutto i centri trasmissione dati (Ctd) non autorizzati alla raccolta delle puntate, alla riscossione delle poste di gioco e alla liquidazione delle vincite.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito