Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Fasano. Sfuma il progetto del comune di aprire un mini casinò

In: Casinò, Cronache

28 agosto 2012 - 10:33


tavolo_casinò

Spagna. Il Tribunale Supremo delle Canarie stabilisce distanze di 300 metri tra sale giochi e scuole

 

 Sanremo. Dal Pdl il ‘no’ a nuove sale giochi in città

 

(Jamma) Sfuma il progetto di costruire un mini casinò a Selva di Fasano. In questi gioni infatti il Ministero della Salute ha approvato la bozza del decreto legge recante “disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute”.

Nel Capo II del provvedimento sono infatti disciplinate anche le nuove misure di prevenzione per contrastare la dipendenza da gioco d’azzardo patologico.

In particolare il comma 5 dell’art. 5 del provvedimento dispone che “Gli apparecchi idonei al gioco d’azzardo non possono essere installati all’interno ovvero in un raggio di 500 metri da istituti scolastici di qualsiasi grado, centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente da giovani, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio assistenziale, luoghi di culto. Ulteriori limitazioni possono essere stabilite con decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze e con il Ministero della salute”.

Dunque, alla luce di tale previsione governativa l’ipotesi di istituzione di una casa da gioco alla Selva di Fasano rischia di sfumare in quanto il Palazzo dei Congressi (Casina Municipale) si trova a pochi metri dalla chiesa parrocchiale della frazione silvana e dalle zone che, soprattutto nella stagione estiva, fanno registrare un numero elevato di presenze di ragazzi anche di minore età.

Il decreto legge, trasmesso alla Regione venerdì scorso, si preoccupa perciò di ridisegnare molte norme di particolare interesse quali la razionalizzazione dell’attività assistenziale e sanitaria, la promozione di corretti stili di vita, le nuove regole sulla vendita di tabacchi e alcolici e, per l’appunto, le misure preventive per combattere la dipendenza da gioco d’azzardo.

Ora si attende di conoscere la presa di posizione ufficiale dell’Anit (Associazione nazionale incremento turistico), l’organismo associativo che raggruppa i comuni che si sono candidati ad ospitare un casinò sul proprio territorio dei sindaci dei comuni italiani interessati dalla istituzione dei nuovi casinò.

 

 

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito