Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Cerro al Lambro (MI) sconto del 30% sulla Tares per i locali no slot

In: Cronache

4 settembre 2013 - 09:38


awpslot

(Jamma) “Contro il gioco d’azzardo, Tares scontata per i locali senza slot machine”. La lotta al gioco d’azzardo parte dai piccoli Comuni con una proposta, in arrivo dalla Lega Nord di Cerro al Lambro, che verrà discussa sabato, in occasione del consiglio comunale cittadino. In quella sede la maggioranza di centrosinistra dovrà pronunciarsi sull’interpellanza presentata da Stefano Curti, capogruppo di Pdl – Lega Nord – Energie Alternative, che ha ipotizzato uno sgravio del 30 per cento sulla tariffa a carico degli esercenti virtuosi.
“La ludopatia è un fenomeno dilagante, che miete vittime anche nelle piccole realtà – spiega Curti -. Di fronte a tutto ciò, è giusto premiare gli esercenti che si rivelano attenti e sensibili, invogliando i colleghi a seguirne l’esempio e a liberarsi dalle macchinette. Alcuni Comuni, come Binasco, hanno già adottato la filosofia degli sconti come meccanismo incentivante”. E poiché il provvedimento andrebbe a sottrarre fondi al bilancio comunale, “siamo disponibili ad affiancare la maggioranza nella ricerca di risorse alternative – dice il leghista -, tanto più che di recente la Regione ha sbloccato, per Cerro al Lambro, 300mila euro relativi al Patto di stabilità”.
Non solo dipendenza e atteggiamenti devianti. Secondo i leghisti, anche la sicurezza trarrebbe giovamento dalla rimozione delle slot machine dai locali pubblici. “A volte dietro il gioco d’azzardo si nascondono flussi di denaro riciclato – ancora Curti -. Inoltre, i locali che possiedono le macchinette sono più facilmente oggetto di furti e rapine. Liberarsi dello slot scoraggerebbe la micro-criminalità, con riflessi positivi sull’ordine pubblico”.
Da tempo, nel piccolo Comune alle porte di Milano Lega Nord e Pdl si battono affinché vengano adottate misure di contrasto alla ludopatia.
È in seguito ai solleciti dell’opposizione, ad esempio, se l’ente locale ha deciso di aderire al Patto dei sindaci contro il gioco d’azzardo. “I provvedimenti adottati a livello locale – conclude il “capogruppo di centrodestra – rappresentano un’anticipazione di quelli che Regione Lombardia intende assumere attraverso uno specifico progetto di legge”.

ì

Commenta su Facebook


Realizzazione sito