Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Bagni di Lucca. Casinò di nuovo in crisi

In: Casinò, Cronache

2 maggio 2012 - 10:24


bagni di lucca

Torna la proposta per un casinò a Forte dei Marmi

 

Slovenia. Croupier in sciopero al casinò di Portorose

 

(Jamma) Questo sembra essere veramente un periodo nero per i casinò italiani. Non solo per i quattro casinò principali. Non riesce a decollare l’iniziativa del ‘casinò’ di Bagni di Lucca che dopo i cambi gestione avvenuti negli ultimi anni e la nuova inaugurazione dello scorso settembre, cerca nuove formule per avviare il business. Attualmente la sala slot infatti è chiusa, il gestore spiega che la sala è chiusa solo temporaneamente «per ristrutturazione: l’idea – dice – sarebbe di modificare o diminuire alcune macchine da gioco, mantenendo la roulette elettronica, che si trova solo a Bagni di Lucca, per differenziarla da altre sale da gioco che si trova nei territori vicini».

Il destino del casinò e del ristorante abbinato si deciderà in tempi brevi. Proprio in settimana è previsto in municipio un incontro tra la società che ha preso in carico la struttura e il Comune. L’auspicio è di trovare una soluzione, magari attraverso una deroga al contratto di utilizzo del casinò (la licenza risulterebbe collegata a quella del ristorante) o altre formule. Se si deciderà di chiudere la sala slot, lo spazio potrebbe essere utilizzato per eventi culturali, mostre, musica. E il ristorante potrebbe aprire a battesimi, cresime, comunioni, compleanni, eventi aziendali, matrimoni.

Come previsto dal bando indetto nel 2011 dal comune la concessione della sturuttura è stata affidata a quattro società di Viareggio per 9 anni, con rinnovo non automatico per ulteriori 9.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito