Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Azzardo. Il Garante della Privacy ‘bacchetta’ la Svenska Spel: “Poca chiarezza su trattamento e raccolta dati personali dei giocatori”

In: Cronache

19 ottobre 2015 - 12:07


privacy-650x245

(Jamma) La Svenska Spel deve informare meglio i suoi clienti su come i loro dati personali vengono utilizzati nella valutazione del rischio di dipendenza dal gioco azzardo.Lo ha deciso il Garante della Privacy svedese in merito al sistema Playscan adottato dal concessionario svedese che gestisce gli apparecchi da gioco.

Il concessionario di gioco da tempo ha introdotto la registrazione obbligatoria per coloro che intendono giocare alle slot. Da qui la valutazione della Autority su come la società tratta i dati personali dei propri clienti.

L’Autorità ha concluso nella sua indagine che la società ha un requisito legale per registrare alcune informazioni personali sui clienti visto che la registrazione è obbligatoria ma che, allo stesso tempo, emergono molte carenza in materia di trattamento dei dati per la valutazione del rischio di gioco d’azzardo compulsivo.

 I dati che la società raccoglie infatti sono informazioni sanitarie personali e come tale è un dato sensibile. Quindi il clientedeve fornire un consenso informato, inequivocabile ed esplicito.

La Commissione ha quindi chiesto alla Svenska Spel o di interrompere la raccolta e l’utilizzo dei dati personali per la valutazione dei rischi di gioco d’azzardo compulsivo o di ottenere un valido consenso da parte dei clienti. Lo stesso dicasi per le informazioni raccolte da utilizzare per la commercializzazione diretta.

– Quello che è importante è che si spieghi chiaramente ai clienti come saranno utilizzati i dati personali. La Commissione chiede anche al concessionario di essere più chiarosu come i dati possono essere usati visto che non viene specificato.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito