Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

“Il Pirellone dia il via libera alla Casa da gioco a San Pellegrino”

In: Casinò

12 gennaio 2015 - 13:07


casino

(Jamma) Martedì 13 gennaio riprendono i lavori del Consiglio regionale. Sul tavolo anche la questione della casa da gioco a San Pellegrino Terme. Sull’argomento era stata depositata una mozione bipartisan firmata dai consiglieri regionali bergamaschi: primo firmatario, l’ex sindaco di Bergamo Roberto Bruni, esponente del Patto Civico. Nel testo si rilevava come dopo l’apertura e il grande successo delle Terme «la casa da gioco di San Pellegrino Terme costituirebbe un ulteriore elemento di spinta e di fiducia per la Valle Brembana, in un momento particolarmente drammatico per l’emergenza occupazionale e sociale che interessa il territorio. Per questo chiediamo che il Consiglio faccia sentire la propria voce in tal senso presso il Parlamento e il Governo».
«È assurdo – aggiunge il consigliere del Patto Civico – che in uno dei pochi Paesi europei ancora sprovvisto di una normativa generale sulla materia, dove una serie di provvedimenti approvati negli anni ha determinato la completa liberalizzazione di ogni tipo e genere di gioco, consentendone l’esercizio ovunque e con gli effetti devastanti che ben si conoscono su persone e comunità, ci si affidi a un regime derogatorio eccezionale, ormai divenuto irragionevole e incostituzionale, per i noti quattro casinò attualmente aperti in Italia».

All’aula del Pirellone si chiederà « di esprimere parere favorevole all’istituzione di una casa da gioco a San Pellegrino, che già ne fu sede dal 1907 al 1917, ribadendo al contempo grande preoccupazione riguardo alla deregulation del gioco d’azzardo, che va viceversa limitato e opportunamente normato. E chiediamo anche di sollecitare il Viminale al rilascio di un’autorizzazione amministrativa per la riapertura o, in subordine, i parlamentari lombardi ad attivarsi in parlamento per una legge che raggiunga lo stesso obiettivo, regolamentando il settore».
Dal canto suo, la Camera, in sede d’approvazione della legge di stabilità aveva accolto l’ordine del giorno presentato dal deputato bergamasco Gregorio Fontana che impegna «il Governo a prendere iniziative volte ad autorizzare la riapertura del Casinò Municipale di San Pellegrino Terme, e di tutte le realtà simili a livello nazionale».

Commenta su Facebook


Realizzazione sito