Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Casinò di Sanremo. L’opposizione propone di investire sull’online

In: Casinò

15 giugno 2012 - 11:14


roulettes

Casinò di Sanremo. Zoccarato: “La concorrenza più grande ce la fa lo Stato”

 

(Jamma) “A maggio il casinò di Sanremo ha incassato 3,6 milioni, Campione ne ha introitati il doppio e Venezia il triplo. Sono necessarie scelte serie e concrete, non si può fare la danza della pioggia o rivolgersi a Manitu”. Non le manda a dire il consigliere di opposizione Massimo Donzella sul delicato tema del casinò intervenendo dopo il recente consiglio comunale che ha approvato la modifica della convenzione tra la casino spa ed il Comune, per ottenere l’equilibrio della società.

“Serve ben altro – prosegue – A maggio il casinò di Sanremo ha incassato 3,6 milioni, Campione ne ha introitati 7 quindi il doppio e Venezia con 10,5 addirittura il triplo. Questi rapporti da un punto di vista storico non ci sono mai stati. Uno incassa il doppio e l’altro il triplo. Questo perché hanno investito sulla casa da gioco. Saint Vincenti, che invece non li aveva fatti, sta ora investendo 80 milioni di euro”.

“La spa non ha libertà di movimento e in questi tre anni la casa da gioco è stata gestita dal Comune – incalza Donzella – Ci ricordiamo tutti i via vai in Comune degli amministratori. Io ho fatto sette anni l’assessore al casinò e solo una volta ho convocato l’amministratore. Il socio infatti ha le scansioni delle assemblee, in cui può dire la sua, ma non deve andare ad influire direttamente sulla gestione. Altrimenti la responsabilità di come vanno le cose non è tutta del cda, anzi”.

“Ritengo che l’elemento qualificante del piano di impresa sia investire nell’on line – prosegue – bisogna poi andare al di fuori della casa da gioco, come Campione, per andare a prendere flussi turistici. Quest’anno, guardando i numeri, ci sono già state tre diverse previsioni di incassi. Senza proposte, il casinò è una scatola vuota”.

 

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito