Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Casinò di Saint-Vincent. Respinta la mozione Alpe sulle dimissioni di Luca Frigerio

In: Casinò

22 marzo 2012 - 15:48


casinòvalee

(Jamma) Luca Frigerio resterà alla guida del Casinò di Saint-Vincent. Il consiglio regionale ha infatti respinto questa mattina la mozione presentata dall’Alpe che chiedeva le dimissioni dell’amministratore unico della casa da gioco valdostana. Favorevoli alla mozione i soli gruppi dell’Alpe e del Pd mentre il consigliere del Pdl, Enrico Tibaldi non ha preso parte al voto.

Secondo i dati presentati da Alberto Chatrian dell’Alpe la situazione della casa da gioco valdostana è “preoccupante”. “Saint-Vincent – ha spiegato in aula Chatrian – ha reso meno di 10 milioni di euro negli ultimi due anni mentre Sanremo ha introiettato quasi 20 milioni di euro e Campione e Venezia più di 40. Altro che “Les comptes n’ont jamais été aussi positifs”, come ebbe modo di osservare poche settimane fa il presidente Rollandin”.

Per l’Alpe poi questa tendenza degli ultimi due anni “si sta consolidando nel 2012. Nei primi 80 giorni del nuovo anno gli introiti generali sono calati del 23,5% rispetto allo stesso periodo del 2011, con il totale cambiato che crolla del 25%.”

La situazione economica della casa da gioco valdostana è, per la maggioranza regionale, diversa da quella presentata dall’Alpe. Secondo Francesco Salzone il Casinò in questi ultimi anni ha tenuto sul lato delle presenze che anzi erano diminuite nella fase della gestione straordinaria. Inoltre “rispetto al panorama internazionale e nazionale Saint-Vincent è l’unico che ha avuto una vera inversione di tendenza. Il bilancio del Casinò è il migliore degli ultimi quattro anni. Saint-Vincent ha avuto una perdita nell’ultimo bilancio di 6,6 milioni di euro. Campione perde 12 milioni, Venezia 52 milioni.”

A confermare il trend positivo della Casa da gioco è stato anche il Presidente Rollandin. “Da voi mi aspettavo i complimenti per il lavoro positivo svolto da Frigerio e dal suo staff.” Sul 2012 il Presidente della Giunta ha precisato che “non si può giudicare il 2012 guardando a 60 giorni di lavoro.” Inoltre, secondo Rollandin, nel nuovo anno hanno pesato sulla situazione della casa da gioco, il maltempo, la ristrutturazione in corso che “qualche disagio sta creando” e il limite dei 1.000 euro di liquidi imposto dal Governo.



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi