Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Casinò di Campione. Il sindaco Piccaluga: “Nessun buco. Si indaga su riciclaggio da parte della malavita”

In: Casinò

21 gennaio 2015 - 16:05


piccaluga campione

(Jamma) Il casinò è “occupato” dalle 7 di stamani da decine di uomini della Guardia di Finanza di Como e dello Scico di Roma, il servizio delle Fiamme Gialle che investiga sulla criminalità organizzata. Una maxi operazione che ha portato anche a perquisizioni nelle abitazioni di due dipendenti della casa da gioco.

“Si tratta di dipendenti addetti al controllo e alla registrazione dei clienti”, spiega il sindaco Maria Piccaluga. A casa loro i finanzieri cercano documentazione contabile e altro materiale, che li collegherebbe a dei clienti indagati per riciclaggio di denaro sporco. A far scattare l’operazione è stata la Procura antimafia di Cagliari; l’inchiesta, denominata “Chemin de fer”, riguarda il riciclaggio da parte della malavita sarda di denaro derivante dal traffico di droga, attraverso circuiti legali del gioco d’azzardo, delle lotterie o degli apparecchi da gioco.

Le ipotesi di reato, oltre al riciclaggio, sono associazione per delinquere e peculato, ossia appropriazione indebita da parte di incaricati pubblici o pubblici ufficiali.

“Nessun buco” – Quanto alle voci del presunto buco nei bilanci della casa da gioco dell’enclave il Sindaco smentisce categoricamente ogni addebito. “Non mi spiego il perché di questa fuga di false notizie – conclude -. Forse c’è qualcuno che vuole gettare fango sul Casinò”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito