Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Venezia, il Questore dispone chiusura della sala Bingo per motivi di ordine pubblico

In: Bingo

2 marzo 2012 - 11:13


bingo1

(Jamma) Troppi episodi violenti e cattive frequentazioni nella sala Bingo di Via Pepe a Mestre. A pochi giorni dall’ultimo episodio che ha richiesto l’intervento della Polizia, il questore ha deciso di sanzionare e far chiudere per un periodo la sala del Bingo di via Pepe. Domenica notte, poco dopo le 2 il direttore del Bingo, di origine spagnola, ha richiesto l’intervento di una pattuglia perché poco prima, all’esterno del locale, era stata segnalata una persona armata di pistola.

Gli agenti delle Volanti della questura, giunti sul posto, hanno accertato che non più di qualche minuto prima un cittadino albanese (ancora presente sul posto) e due cittadini stranieri (forse macedoni), avevano ingaggiato una lite. Durante l’episodio però, dagli insulti si è passati ai fatti, tanto che uno dei due cittadini balcanici ha estratto una pistola (probabilmente giocattolo) e ha minacciato l’albanese, forse per fargli prendere paura e dimostragli che lui era più forte. Successivamente i due aggressori, prima di andare via definitivamente, hanno esploso un colpo in aria a scopo intimidatorio.

Insomma, una serata per nulla tranquilla, specialmente per chi abita in zona. Il cittadino albanese e il titolare del locale sono stati informati sulle rispettive facoltà di legge, vale a dire sulla possibilità di querela di parte. Ma la cosa non è finita lì. Il questore di Venezia, Fulvio Della Rocca, data la gravità del fatto, ha infatti immediatamente avviato una verifica amministrativa sul locale, per valutare l’eventuale applicazione di misure sanzionatorie. Ieri gli operatori del Commissariato di Mestre hanno dato esecuzione al provvedimento del Questore di Venezia avente ad oggetto la sospensione, per un periodo di 15 giorni, della sala bingo. Il provvedimento, che giunge al termine di una lunga attività di controllo svolta dagli operatori di polizia, è finalizzato a prevenire la commissione di reati e a garantire la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. Dai precedenti e numerosi controlli svolti dagli operatori della Questura, infatti, è emersa la presenza costante, nell’esercizio pubblico, di soggetti con molteplici precedenti penali tra i quali : furto, rapina, danneggiamento, rissa, ricettazione, associazione per delinquere, uso e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione abusiva di armi, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, resistenza a pubblico ufficiale.

 

Mestre. Chiusa sala giochi di Riviera Magellano. Il gestore: ”Io, da vittima a carnefice?”

Sale Giochi. Il questore di Venezia Della Rocca scrive a Jamma :”Sempre sensibile alle segnalazioni che mi vengono rivolte”

 

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito