Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Vlt. Barcrest davanti a tribunale italiano per la vincita anomala da 13 mln di euro

In: Apparecchi Intrattenimento, Aziende, Videolottery

10 agosto 2012 - 13:18


vltsnai

(Jamma) BARCREST Group, società britannica che fa capo alla statunitense Scientific Games, nei giorni scorsi si è costituita davanti al giudice ordinario del tribunale di Lucca in seguito al ricorso presentato nell’ottobre scorso da un giocatore che rivendica una vincita straordinaria di oltre 13 milioni di euro conseguita attraverso un terminale di gioco tipo Vlt, vincita che Snai non ha ancora pagato sostenendo che questa tipologia di apparecchio non può erogare somme superiori a 500 mila euro. Per Snai il fatto è da imputare ad un difetto del sistema, prodotto dalla Barcrest. Da qui la chiamata in causa della società britannica che, il 3 luglio scorso, si è presentata in udienza. Il G.I. si è riservato. Con provvedimento di scioglimento della riserva il G.I. ha disposto il mutamento del rito in ordinario con fissazione dell’ udienza al prossimo ottobre. Snai intanto ribadisce che l’eventuale esborso di qualsiasi somma spetta alla ditta produttrice Barcrest Ltd, quale garante. Tesi ovviamente contestata da quest’ultima.

 

E sempre per il malfunzionamento della piattaforma VLT Barcrest, in questo caso verificatori il 16 aprile 2012 alcuni portatori dei biglietti “asseritamente vincenti” hanno incardinato altre cause al fine di ottenere il pagamento degli importi indicati sui ticket emessi dalle VLT Barcrest durante tale malfunzionamento. Si tratta di 17 procedimenti legali e due istanze di mediazione.

 

In questo caso oltre al rischio di dover risarcire i giocatori, per Snai si configura l’ipotesi di vederi revocare la concessione per la gestione in rete degli apparecchi. Il 29 maggio 2012 sono state avanzate da AAMS due specifiche contestazioni su quanto accaduto. In particolare sono stati aperti due distinti procedimenti sanzionatori, il primo preordinato alla eventuale comminatoria di revoca del certificato di conformità del sistema di gioco Snai-Barcrest 01, il secondo preordinato alla eventuale comminatoria di decadenza della Concessione.

SNAI ha svolto l’accesso agli atti dei procedimenti di contestazione in commento e – anche con l’ausilio di Advisor tecnico appositamente nominato – ha prodotto e riversato le proprie deduzioni in due distinte memorie che sono state depositate presso AAMS il 24 luglio scorso. In entrambe è stato evidenziato ed argomentato ampiamente nel senso che nessuna della contestazioni è fondata concludendo, per entrambi i procedimenti di contestazione, con la richiesta di definitiva archiviazione del procedimento di revoca, rispettivamente, del certificato di conformità del sistema di gioco Snai-Barcrest 01 e della Concessione.

Se le argomentazioni convinceranno l’Aams non ci saranno problemi per l’assegnazione definitiva della concessione, prevista per il prossimo settembre. Al momento, fa sapere Snai, sono ora in corso le operazioni di collaudo della rete telematica, ad esito del quale l’aggiudicazione della concessione diverrà definitiva.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito