Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Sisal. Rapporto sociale 2011, nel 2011 volume d’affari per 13,3 miliardi di euro (+17,6%)

In: Aziende, Cronache

5 luglio 2012 - 08:45


Fantozzi-Rapporto-sociale-Sisal

Bpm, perquisizioni Gdf a uffici  Sisal e abitazione AD

 

(Jamma) Presentato questa mattina a Roma, alla presenza del Presidente Augusto Fantozzi e dell’Amministratore Delegato Emilio Petrone, il Rapporto Sociale Sisal 2011. Giunto alla sua terza edizione, il Rapporto sociale è il principale strumento di condivisione dei valori fondamentali dell’azienda e di rendicontazione del programma e dei progetti di sviluppo sostenibile di Sisal. La presentazione di oggi è anche l’occasione per segnalare la campagna di raccolta fondi, libera e disgiunta dal gioco, a favore delle popolazioni colpite dal terremoto dell’Emilia che coinvolge i clienti, la rete di vendita e i dipendenti di Sisal.

Nell’esercizio 2011 il Gruppo Sisal ha sviluppato un volume d’affari pari a 13,3 miliardi di euro, in crescita del 17,6% rispetto al 2010, con ricavi gestionali pari a 525,2 milioni di euro (+19,3%).

Augusto Fantozzi, Presidente di Sisal, ha ricordato il rapporto di costante confronto e allineamento dell’azienda con i referenti istituzionali, come AAMS e il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Sisal, in qualità di Concessionario dello Stato, ha adottato e condiviso valori e principi di tutela del giocatore, ponendosi come obiettivo prioritario la costruzione e la diffusione, insieme al Regolatore, di un modello di gioco sicuro, legale e responsabile.

Il Presidente Fantozzi ha inoltre sottolineato come lo sviluppo di un’azienda sostenibile passi anche attraverso gli investimenti sulla formazione, sui giovani talenti e sulla cultura, citando il sostegno di Sisal al progetto “ItaliaCamp” e al “Piccolo Teatro di Milano”, illustrati al termine dell’incontro da Pier Luigi Celli e Sergio Escobar.

Emilio Petrone, Amministratore Delegato, ha presentato le strategie di sostenibilità e delineato le due principali aree in cui si articola il piano di Responsabilità Sociale: il programma di Gioco Responsabile e l’impegno verso la comunità in cui l’azienda opera.

Elemento centrale e distintivo del piano di CSR di Sisal, il Programma di Gioco Responsabile prevede un articolato piano di interventi di lungo periodo allo scopo di assolvere a due principali obiettivi: la tutela dei minori; la prevenzione delle forme di eccesso di gioco e l’assistenza ai giocatori problematici.

Attraverso attività di ricerca, formazione e informazione, l’azienda ha contribuito a divulgare una corretta pratica del gioco legale. Il “Decalogo del Giocatore”, consultabile su tutti i siti internet di Sisal, contiene suggerimenti utili per un gioco consapevole ed equilibrato. Sisal è stata anche promotrice della redazione del Codice di autodisciplina pubblicitaria, prontamente adottato dall’azienda, che è ispirato alle linee guida della European Lotteries Association e realizzato in collaborazione con la Federazione Sistema Gioco Italia. La conformità degli impegni assunti e implementati da Sisal rispetto ai più alti standard internazionali di gioco responsabile ha avuto riconoscimento attraverso la certificazione ai massimi livelli di due importanti enti internazionali: la European Lotteries Association e la World Lotteries Association. Il progetto “ItaliaCamp”, sviluppato con il supporto della Presidenza del Consiglio dei Ministri e con circa 60 università nazionali e internazionali, ha portato alla raccolta di oltre 700 proposte a sostegno della crescita economica, sociale e civile del Paese. Le 10 idee ritenute più valide sono state “adottate” da Sisal e dalle altre importanti aziende italiane che hanno aderito al progetto. Il Piccolo Teatro di Milano è un partner storico dell’azienda. Il restauro del Chiostro del Bramante del Teatro Grassi di Milano, realizzato con il contributo di Sisal, ha creato un nuovo spazio aperto alla città dove promuovere spettacoli e occasioni di formazione e incontro sui temi dell’arte e della cultura. Tra i principali altri partner dei progetti promossi da Sisal, sono state ricordate le Onlus Save the Children e Make a Wish, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, Telethon e AriSLA – Agenzia di Ricerca per la Sclerosi Laterale Amiotrofica, che si affiancano a molte altre iniziative di grande impatto sociale. Per il futuro, Sisal si pone l’obiettivo di realizzare un piano pluriennale che porti l’azienda a diventare una società eccellente in termini di sostenibilità entro il 2016. “Riteniamo che l’impegno sulla sostenibilità sia un requisito indispensabile per continuare a sviluppare l’azienda con successo e raggiungere risultati sempre positivi, conseguiti sino ad oggi grazie anche all’ottimo lavoro svolto con i Monopoli di Stato e al sostegno dei nostri azionisti, Apax, Permira e Clessidra”, ha detto Emilio Petrone, amministratore delegato di Sisal.

La raccolta del Gruppo Sisal riferita ai servizi di pagamento ha evidenziato una crescita molto rilevante negli ultimi tre anni (+96%). Tale aumento è dovuto sia alla crescita della Rete Distributiva che è passata da 26.000 punti vendita nel 2008 a circa 42.000 nel 2011 (+45% negli ultimi tre anni), sia allo sviluppo e all’ampliamento del portafoglio servizi attivi in ricevitoria. La conferma deriva dalla lettura dei dati del mercato di prossimità (ossia le somme del mercato dei giochi e del mercato dei servizi) che nel 2011 ha raggiunto la raccolta complessiva di 96 miliardi di euro con un CAGR (tasso di crescita annuale composto, ndr) del 19%. Il tasso di crescita maggiore è stato ottenuto dal mercato dei servizi di pagamento che nel 2011 ha realizzato una raccolta di quasi 16 miliardi di euro e una crescita del 26,3% nel periodo analizzato. Un incremento è ancora più significativo se confrontato con un mercato complessivo (comprensivo anche dei canali Poste, Banche, etc.) che si stima abbia raggiunto un punto di equilibrio intorno ai 100 miliardi di euro. La ragione di questo significativo spostamento verso i canali “di prossimità” (bar, tabaccherie, etc.) è dovuto innanzitutto alla presenza capillare sul territorio, ma anche a una maggiore flessibilità in termini di orari di apertura e all’assenza di code, che consente un notevole risparmio di tempo nell’effettuare i pagamenti.

COMPARTO GIOCHI 
Il mercato dei giochi in Italia ha registrato un’importante crescita nel corso degli ultimi cinque anni, passando dai 41,4 miliardi del 2007 ai 79,6 miliardi del 2011 con un CAGR (Compound Annual Growth Rate – tasso di crescita annuale composto) del 17,7%. E’ quanto spiega Sisal nel rapporto sociale 2011 presentato oggi a Roma. Tutti i segmenti, in questi cinque anni, hanno registrato una crescita, a eccezione delle Scommesse che presenta un CAGR negativo dell’1,2%. Nel 2011 i giochi tradizionali come le Lotterie hanno registrato una raccolta lorda complessiva di oltre 19 miliardi di euro e un tasso di crescita del 5%, mentre gli apparecchi da intrattenimento (newslot e videolotterie) hanno assicurato il 55% della raccolta totale mettendo a segno un CAGR del 25,3%. Il tasso di crescita più elevato l’ha però registrato il segmento Skill and Card Games (poker, skill games e giochi da casinò online), segmento aperto nel 2008 e che in quattro anni ha beneficiato di un CAGR del 226,2%, raggiungendo nel 2011 gli 8,4 miliardi. Nell’arco dei cinque anni, il payout (ovvero la percentuale della raccolta che torna ai giocatori come vincita) è passato dal 68,2% del 2007 al 77,3% nel 2011, con un CAGR del 21,5%. Questo effetto è dovuto all’introduzione di giochi con pay out sempre maggiori. La spesa netta reale del pubblico è passata da un totale di 13 miliardi nel 2007 ai 18 miliardi nel 2011, con un CAGR dell’8,1%. Oltre la metà della spesa netta reale viene incamerata dallo Stato sotto forma di prelievo erariale. Si è passati da un gettito di 7,7 miliardi nel 2007, a uno di 9,4 miliardi nel 2011, con un CAGR del 5,1%.
 “Il segmento Lotterie presenta il tasso di crescita meno elevato negli ultimi anni, con un CAGR (tasso di crescita annuale composto) complessivo del 4,9%” evidenzia Sisal nel Rapporto Sociale 2011 presentato oggi a Roma. I giochi numerici (ovvero SuperEnalotto, Win for Life e SiVinceTutto SuperEnalotto) “presentano un CAGR del 5,4% e un valore nel 2011 del 23,5% in più rispetto al 2007 a dimostrazione del processo di crescita del comparto che presenta performance importanti”.
Per il Lotto invece (il cui valore nel 2011 comprende Lotto e 10eLotto) “il CAGR nel periodo 2007-2011 è stato del 2,5%”.
Il comparto Scommesse presenta valori sostanzialmente negativi per ognuno dei segmenti analizzati. “Mentre per il comparto ippico e per il tradizionale settore del Totocalcio è da rilevare una crisi che dura da diversi anni” spiega ancora Sisal, “nel caso delle scommesse sportive le cause del trend negativo sono essenzialmente legate alla struttura stessa del prodotto. Le Slot rappresentano oltre il 50% del mercato complessivo dei giochi in Italia. Si stima che nel mercato siano presenti oltre 380 mila apparecchi dislocati in oltre 114 mila punti vendita. La raccolta complessiva di questo comparto è stata di oltre 44,6 miliardi di euro con un CAGR del 25,3%. Le sole Slot hanno avuto un CAGR del 13,4%. Le VLT nel primo anno operativo (2011) hanno raggiunto i 14,7 miliardi di euro diventando di fatto il secondo prodotto del mercato”. Per quanto riguarda il gioco online, il CAGR è stato del 75,2%, con “un peso sul mercato totale dei giochi che è passato dal 2,5% del 2007 al 12,4% del 2011. Per il solo 2011 la raccolta lorda di questo comparto è raddoppiata sfiorando i 10 miliardi grazie all’introduzione di nuovi giochi (Poker Cash e Casinò Games) che hanno costituito oltre il 60% della raccolta online. Analizzando il mercato dal punto di vista dei segmenti si nota che il mercato online è composto essenzialmente da: Scommesse, Skill, Card e Casinò Games e Bingo. Il segmento Scommesse, così come accade per il mercato nel suo complesso, è guidato dalle sole scommesse sportive: nel complesso raccolgono oltre 1 miliardo di euro in media annuo e un CAGR del 4,6%. Il comparto a più alta crescita è stato quello degli Skill, Card e Casinò Games. Il Poker Cash e i Casinò Games, introdotti nel 2011, hanno contribuito alla raccolta con oltre 1 miliardo di euro al mese. Questi prodotti presentano un pay out elevatissimo (superiore al 97%) catalizzando la raccolta dell’intero comparto. Il Bingo online, il cui lancio è avvenuto nel dicembre 2009, ha raccolto nel corso del 2011 circa 184 milioni di euro. Interessante sottolineare che la raccolta è cresciuta nel corso dei mesi a dimostrazione di un gradimento crescente da parte del pubblico, sia per un pay out elevato al 70%, sia per la possibilità di creare community online”.

 Dal 2009 Sisal ha deciso di qualificare ulteriormente la propria presenza nella Comunità sviluppando una strategia specifica di Corporate Social Responsibility e varando il Piano d’Azione di CSR “Facciamo Vincere i Giovani” che ogni anno viene implementato con nuove iniziative, progetti e collaborazioni. Il Piano triennale 2009-2011 è declinato in iniziative che creano concrete opportunità di formazione e socializzazione per le giovani generazioni, che valorizzano i giovani talenti e che si occupano anche di emergenze sociali. Gli elementi distintivi del Piano di intervento a favore della Comunità sono:

– Forte interazione con i Partner di progetto: Sisal mette a disposizione dei progetti selezionati sul territorio le proprie

risorse e le proprie competenze, attivando un dialogo costante e diventando un vero e proprio Partner attivo di progetto, al fine di verificare periodicamente bisogni e risultati.

– Selezione di progetti di intervento con una forte connessione con il territorio.

– Monitoraggio costante delle attività e dei bisogni del territorio anche attraverso incontri con rappresentanti di Istituzioni, Organizzazioni e Associazioni.

– Comunicazione costante agli Stakeholder delle attività svolte attraverso modalità on e offline.

Sisal ha deciso di investire su azioni di grande impatto da realizzare con Partner altamente qualificati e di consolidata esperienza nei rispettivi settori di attività. Per la selezione dei Partner, l’Azienda ha applicato criteri rigorosi che tengono conto del loro know how consolidato negli specifici ambiti di intervento e dell’eccellenza riconosciuta al loro operato a livello nazionale e internazionale. Le aree strategiche del Piano d’Azione rivolto alla Comunità, su cui Sisal ha concentrato i propri investimenti a completamento della propria strategia complessiva di Corporate Social Responsibilty, corrispondono a momenti diversi del percorso di crescita delle giovani generazioni e sono state pensate per rispondere in modo concreto a bisogni specifici.

Queste aree sono:
Sisal Junior Stars
sostegno ai bambini e ai giovani in situazioni di disagio e difficoltà
Sisal Academy
opportunità di formazione per giovani talenti
Sisal per lo Sport
sostegno ad attività sportive che veicolano valori di socializzazione, fair play e crescita costruttiva
Sisal per le Arti
promozione di progetti e manifestazioni di arte e cultura, considerate occasioni di crescita relazionale e di aggregazione sociale positiva
Sisal per la Ricerca
iniziativa di raccolta fondi destinati alla ricerca attraverso la Rete Distributiva di Sisal
La rete del Gruppo Sisal è presente su tutto il territorio nazionale ed è composta da edicole, bar, rivendite di tabacchi, agenzie, corner, punti vendita dedicati e i nuovi concept retail Sisal Wincity. Nel dettaglio Sisal può contare su: 41.659 punti vendita dei prodotti GNTN e servizi di pagamento al Cittadino (fra questi sono inclusi gli oltre 4.000 corner ippici e sportivi); 4.900 punti vendita dedicati solo agli apparecchi da intrattenimento (Adi); 203 agenzie e negozi Match Point; 5 sale Sisal Wincity. La Rete è supportata da un team commerciale suddiviso per aree di business e da 270 gestori della Rete Distributiva di Sisal Slot. I circa 42.000 punti vendita della Rete Sisal sono supportati da un gruppo di circa 120 persone impiegate nelle funzioni Trade Marketing e Vendite. In sintesi, il valore aggiunto della Rete Sisal è costituito da: circa 42.000 punti vendita attivi a copertura dei Comuni con più di 3.000 abitanti, di cui oltre 12.600 dotati di SisalTV; rete pluricanale con punti vendita selezionati su diverse tipologie commerciali; formazione tecnico-commerciale ai punti vendita. Sisal Match Point opera nel business delle scommesse ippiche e sportive con 203 negozi e oltre 4.000 corner. La rete di agenzie Sisal Match Point è attualmente composta da 74 punti gestiti direttamente dal Personale Dipendente dell’Azienda (agenzie dirette) e da 129 punti gestiti in franchising da qualificati partner commerciali (agenzie partner) e viene costantemente monitorata dalla struttura commerciale che si avvale di 10 key account a copertura del territorio nazionale.
“Le grandi società sono istituzioni del paese e come tali hanno responsabilità sociali. Sisal vuole essere il braccio delle istituzioni e sostenerle non solo nel contribuire al gettito fiscale, ma anche dando il proprio contributo al sociale”. Così Augusto Fantozzi, presidente di Sisal, alla presentazione del Rapporto Sociale 2011 di oggi a Roma. “Per questo il settore giochi deve essere regolato e controllato, oltre che sostenibile. Cerchiamo di impegnarci nel controllo – all’interno dei nostri 46 mila punti in tutto il territorio – di flussi di gioco e informazioni. Più si prosciuga l’acqua del gioco irregolare, più emerge la professionalità degli operatori legali. Impegno di responsabilità per noi è sostegno ad iniziative di formazione, crescita e valorizzazione del futuro del paese. In particolare, formare i giovani imprenditori è fondamentale per lo sviluppo”.
“Sin dalla sua origine – ha dichairato Emilio Petrone, amministratore delegato di Sisal, intervenuto alla presentazione del programma di Responsabilità Sociale 2011 dell’azienda – Sisal si è distinta per l’impegno sociale, ormai entrato nel dna dell’azienda. Abbiamo integrato business plan e piani di responsabilità sociale. Pilastri della nostra azienda sono dunque l’innovazione, la responsabilità sociale e la sostenibilità economica”. “L’innovazione è il motore di sviluppo di Sisal, mentre la responsabilità è uno dei focus della nostra strategia aziendale. Si distinguono due aree di lavoro, ha proseguito Petrone, ovvero gioco responsabile con impegno per intrattenimento sicuro, legale ed equilibrato, e impegno verso la comunità, con interventi che pongono al centro i giovani e il loro futuro.  Il programma di responsabilità sociale si accompagna ed è reso possibile da una strategia di sviluppo del business che sia sostenibile: tutto ciò non sarebbe possibile senza un’azienda sana. Il volume d’affari è cresciuto di 7,4 miliardi in cinque anni, con ricavi gestionali nel 2011 superiori a 246 milioni. Quasi 1.500 i dipendenti, cresciuti in una congiuntura economica difficile negli ultimi 5 anni di 718 unità, con un indotto in crescita di 10 mila unità. E nei prossimi anni  ci sarà un maggiore impegno verso la sostenibilità ambientale”, ha concluso Petrone.
 
Commenta su Facebook


Realizzazione sito