Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Verona, Guerreschi (SIIPaC): “Politica dia risposte efficaci, eviti populismo sul gioco”

In: Associazioni

15 marzo 2016 - 15:32


siipac-san_marco

(Jamma) – Un centinaio di persone hanno seguito a Verona, presso l’hotel San Marco, la conferenza del noto psicologo e psicoterapeuta esperto di dipendenze patologiche prof. Cesare Guerreschi. Quest’ultimo ha parlato delle principali problematiche legate a come viene affrontata nella società una piaga quale il gioco d’azzardo patologico, con riferimenti anche alle polemiche locali, ha infine presentato il suo libro “Non è un gioco” (edizioni San Paolo).

 

Il presidente della Società Italiana Intervento Patologie Compulsive ha dichiarato: “Abbiamo seguito con interesse le proteste del quartiere sull’apertura della sala videolottery a Borgo Trento. E’ lodevole che un quartiere intero si schieri per proteggere i propri abitanti, è da capire che i cittadini chiedano una risposta concreta ai politici rispetto le loro preoccupazioni. Quello che per i politici è più semplice fare è restringere l’orario di esercizio delle slot-machine, che vengono quindi spente per gran parte della giornata.

 

Questo è quello che è successo a Verona. In realtà quel che serve è informare, formare e prevenire, nonché curare qualora sia necessario. Il proibizionismo o il liberismo in materia di gioco sono disastrosi, due soluzioni estreme che non portano a nulla. Nel caso della deriva proibizionista in corso in Italia i risultati sono sotto gli occhi di tutti, gli apparecchi illeciti come i totem sostituiscono le macchine regolari, pertanto il problema si aggrava. È il caso di sedersi tutti insieme ad un tavolo: politici, amministratori, gestori, operatori sociali e riflettere su quali siano le soluzioni corrette.”

 

Ha concluso il prof. Guerreschi, dopo aver parlato dei sintomi del gioco d’azzardo patologico e su come riconoscerli ed intervenire. Di fatto una bacchettata ai Sindaci che purtroppo, ultimamente, si vantano della loro capacità di combattere il gioco d’azzardo patologico solo per essere riusciti a vietare, o quasi, il gioco nel loro Comune, senza fare alcuna formazione e dare alcuna informazione. Probabilmente grazie ad esperti del calibro del professore si accorgeranno presto che vietando il gioco legale hanno aperto le porte a quello illegale, e non avendo dato nessun supporto preventivo ai giocatori avranno solamente peggiorato la situazione.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito