Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Sirignano su addizionale slot (CO.NA.M.I.) : “No agli scioperi, lotteremo con qualsiasi strumento consentito dalla legge contro norma che ci penalizza”

In: Apparecchi Intrattenimento, Associazioni

16 gennaio 2015 - 13:11


sirigliano

(Jamma) “Le continue e ripetute chiacchiere transitate in questi giorni non hanno prodotto nessun effetto positivo per il nostro settore, sono solo servite per conoscersi meglio ed avere uno scambio piacevole di opinioni tra di noi. Adesso è arrivato il momento di reagire subito ed in maniera concreta e sostanziale, altrimenti è la fine”. E’ quanto dichiara Sergio Sirignano, coordinatore nazionale  del consorzio CO.NA.M.I . “Gli scioperi e qualsiasi forma di protesta, a nostro modesto parere, possono solo causarci ulteriori danni, visto soprattutto le considerazioni sbagliate che l’opinione pubblica ha nei nostri confronti, (sembrerebbe che gli unici giochi graditi dal Legislatore sono solo quelli offerti da 2 Concessionari??), si potrà eventualmente adottare una decisione di forza, in tal senso solo, in caso di necessità estrema, come ultima soluzione.
La nuova norma entrata in vigore dal 01 gennaio 2015, ingiusta ed anticostituzionale, come ben sappiamo, ha messo in seria crisi tutto il comparto dell’automatico compresi alcuni concessionari, oggi nessuno in Italia ha la possibilità di pagare questa tassa fissa, soprattutto se si tiene conto anche:
A) del calo della raccolta nel 2014 rispetto al 2013 (circa il 6% in meno)
B) dei frequenti furti che avvengono in tutta Italia;
C) dell’impossibilità di fare sviluppo causa distanze dai luoghi sensibili;
D) dall’imminente contingentamento previsto in delega fiscale che prevede un’installazione di max 4 Awp negli esercizi pubblici;
E) dell’installazione AWP negli esercizi pubblici in ambienti separati (si stanno forse creando i prerequisiti per l’installazione delle prossime Mini VLT di nuova generazione che potranno essere installate solo dai concessionari, si prevede il loro inserimento nel 2016).
Per cui è chiarissima la volontà del Legislatore (in accordo con qualcuno??) , di cancellare totalmente la figura del Gestore Awp o quantomeno di ridurla drasticamente.
Prevedo entro la fine 2015, se le cose non cambieranno, una dismissione degli apparecchi di almeno il 40% e le Awp che rimarranno subiranno un aumento di circa il 90% sull’attuale tassa prevista. Quante saranno le aziende che potranno sostenere tali costi?
Capirete effettivamente che è arrivato il momento di organizzarsi già da subito per risolvere questo grande problema, con i fatti e non con le chiacchiere, dobbiamo essere veramente tutti uniti ed in tantissimi in un unico grande Gruppo di piccole e medie Aziende. Ecco perché invito tutti a unirsi al Consorzio CO.NA.M.I.. Piccoli falò non riscaldano a sufficienza ma un grandissimo falò Vi assicuro che fa la differenza e potrà contrastare i grandi piani diabolici delle grandi Lobby, non dimenticatevi mai che il vero potere del mercato lo rappresenta chi opera sul territorio.
Lotteremo con qualsiasi mezzo o strumento consentito dalla Legge affinché la norma stessa venga soppressa, quantomeno cercheremo di farla sostituire da un eventuale nuovo emendamento, da noi già proposto insieme alle associazioni di categoria (Astro e Sapar), che annulli la tassa fissa annuale di € 500.000.000 sostituendola, eventualmente, con l’aumento del PREU rispettivamente del 2% sulle AWp e VLT con una percentuale delle vincite non inferiore al 72% sulle AWP e all’83% sulle VLT. (Speriamo di raggiungere l’obbiettivo)
In questo difficile periodo è anche necessario da parte di tutti che ci sia totale collaborazione e qualche piccolo sacrificio, ribadisco uniti e numerosissimi possiamo sicuramente farcela, inoltre non dimentichiamoci che fra qualche mese uscirà la delega fiscale e lì ci saranno ulteriori seri problemi che riguardano noi tutti e solo se saremo un grande gruppo di imprese potremo essere protagonisti nel nuovo futuro mercato che sembrerebbe riservato solo ai Concessionari ed alle grosse aziende, ma vi assicuro che ci saremo anche noi.
“Chiedo a tutti di avere pazienza e di non prendere decisioni avventate. Il nostro consiglio è di sospendere temporaneamente i pagamenti tramite RID ed effettuate i versamenti del PREU al Concessionario, ovviamente in maniera regolare, tramite bonifico bancario, e non pagate nessuna addizionale riferita alla tassa prevista dalla nuova normativa sui giochi, i Concessionari potrebbero emendare una sorta di accettazione”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito