Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Sanremo. Dal convegno sul gioco “i luoghi più a rischio per la diffusione della ludopatia sono sale slot e bar”

In: Associazioni, Casinò, Cronache

18 maggio 2012 - 15:24


la sala casino

Frigerio: “I casinò sono oggi i luoghi più sicuri in cui giocare”

 

(Jamma) Si è tenuto questa mattina il 1° convegno nazionale organizzato da Ugl Medici e Ugl Terziario sui problemi collegati all’azzardo all’interno dei casinò dal titolo “Sicurezza sociale e case da gioco” a cui hanno partecipato importanti rappresentanti del mondo del gioco italiano a partire da Luca Frigerio presidente di Federgioco, Roberto Spina (coordinatore nazionale Ugl case da gioco); Roberto Dibiagi (segretario nazionale Ugl Medici) e Carlo Pagan, ex presidente nazionale Federgioco, nonché amministratore delegato del Casinò di Campione e membro della ECA (European Casino Association).

 

“Circa dal due al tre per cento della popolazione italiana è a rischio ludopatia” è questa uno dei dati più sconcertanti che è emerso dal convegno. Le parole sono quelle del presidente Luca Frigerio, “Stimando in circa 60 milioni di individui la popolazione italiana – ha spiegato – più di un 1 milione di cittadini dello ‘Stivale’ sono a rischio di patologie legate al gioco d’azzardo. “Di questa percentuale si stima che circa il 15% sia realmente malato di gioco; fa presto il Ministro della Sanità quando dice che bisogna star sereni pensando all’85% di persone sane. E agli altri chi ci pensa?” si domande Figerio. Gli ‘altri, ovvero i malati, sarebbero comunque migliaia: almeno 150mila persone affette da quello che una volta si chiamava il ‘demone del gioco’. Oggi questo ‘vizio’ ha una sua collocazione medica ben precisa e i sintomi del Gap (gioco d’azzardo patologico) il più delle volte si manifestano “quando si perde il senso del ludico e il contatto con la realtà”: dice Carlo Pagan che, con il suo staff, recependo normative europee, ha attivato all’interno del Casinò di Campione d’Italia il progetto “Save the Game”, mirato a dare un supporto scientifico ai clienti che potenzialmente e fattivamente possono aver problemi con il Gap.

Le case da gioco però, secondo quanto affermano sia Pagan che Frigerio, non sono il luogo principe dove il gioco d’azzardo rischia di trasformarsi in malattia: sotto accusa ci sono soprattutto le sale slot, i bar con le macchinette e anche le mura di casa, con il gioco on-line. In questi luoghi, infatti, a differenza del Casinò dove c’è un contorno di eventi (anche culturali) e situazioni che in un certo senso ‘diluiscono’ l’impatto dell’azzardo vero e proprio, il giocatore vive un’esperienza totalizzante con il gioco e le scommesse, mettendo a rischio la propria sanità mentale.

“Le case da gioco hanno gestito e gestiranno in maniera attenta le patologie connesse al gioco d’azzardo – spiega ancora Frigerio di Federgioco – si sono avvicinate e collaborano anche con il sistema sanitario per far si che un’attività divertente e rilassante non si trasformi in malattia”.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito