Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Giochi, Pucci (Sistema Gioco Italia): Ok a meno slot. Ma senza di noi tornano le bische

In: Associazioni

15 febbraio 2015 - 17:11


pucciNEW

(Jamma) “Ridurre il numero le slot machine è la scelta giusta. Da sempre perseguiamo uno sviluppo sostenibile e siamo i primi a dire che, negli ultimi anni, c’è stato un eccesso di offerta”.

E’ con queste parole che Massimiliano Pucci, Vicepresidente di Sistema Gioco Italia, commenta in un’intervista pubblicata oggi su La Stampa, le prime indiscrezioni sul contenuto della Delega Fiscale in materia di giochi. Ma oltre a ribadire la necessità che sia lo Stato a dettare le regole, riaffermando l’opinione negativa della Federazione di filiera aderente a Confindustria in merito alla proliferazione normativa territoriale, dai Comuni alle Regioni, Pucci dalle colonne del quotidiano torinese lancia anche una proposta, sul modello finlandese: “Indirizzare una parte dei proventi del gioco per finanziare le politiche di prevenzione del territorio, la cura delle opere d’arte. E’ giusto – sottolinea – che oggi cittadino, quando mette un euro dentro una macchinetta sappia con esattezza dove va a finire”.

D’accordo Pucci anche sulle limitazioni alla pubblicità, anche se “le aziende rappresentate da Confindustria hanno aderito al protocollo europeo di auto-regolamentazione già da tre anni”. Nell’intervista, inoltre, il vicepresidente di Sistema Gioco Italia invita anche a non dimenticare che “dove manca la possibilità di giocare in modo legale ci si affida alle nuove forme, sempre più aggressive. A partire dal Web”. E avverte: “Abbiamo costruito la più importante rete a cielo aperto del mondo, eppure lo Stato ci ha sempre visti come una fonte di entrate. Siamo un presidio di legalità, se spariamo torneranno le bische”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito