Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Genova. ‘Liberi dall’azzardo’ consegna il primo dossier

In: Associazioni, Cronache

5 luglio 2012 - 10:16


scandroglio

Cesena. Il Comune s’impegna a diffondere una maggiore consapevolezza sui rischi legati al gioco

 

(Jamma) Più informazione sui rischi connessi al gioco d’azzardo compulsivo. Parte da Casarza Ligure la nuova iniziativa dell’Associazione “Liberi dall’Azzardo”.

Ai sindaci del Tigullio il dossier della Camera relativo agli aspetti sociali e sanitari della dipendenza da gioco d’azzardo

Regole più rigide per l’apertura di nuove sale per l’azzardo, maggiore informazione sui rischi connessi al gioco patologico, più sensibilizzazione a proposito delle conseguenze del gioco compulsivo. E’ quello che chiede l’Associazione culturale “Liberi dall’azzardo”, che ha avviato la sua seconda iniziativa pubblica con la consegna ai sindaci del Tigullio del dossier della Camera dei Deputati relativo agli aspetti sociali e sanitari della dipendenza da gioco d’azzardo. Primo destinatario del dossier è stato Claudio Muzio, sindaco di Casarza Ligure.

“Siamo partiti da Casarza – spiega il segretario dell’Associazione, Gianteo Bordero – perché è stato uno dei primi Comuni ad attivarsi, chiedendo alla Regione di adottare una normativa più stringente in materia di nuove sale per il gioco d’azzardo. Normativa che è stata poi approvata dal Consiglio Regionale, che ha recepito le istanze provenienti dal territorio e dalle forze politiche in maniera assolutamente bipartisan”. Per il sindaco Muzio “l’approvazione della legge regionale segna una svolta importante. Essa segue la scia della legge molto restrittiva varata nel 2011 dalla Provincia autonoma di Trento e della sentenza della Corte Costituzionale che l’ha dichiarata legittima. Prima di questi provvedimenti, i sindaci non avevano alcun potere di intervenire nell’apertura di nuove sale per l’azzardo, visto che la materia era ritenuta di esclusiva competenza dello Stato ed era sufficiente l’autorizzazione della Questura. Così i sindaci che hanno emesso ordinanze negli anni scorsi si sono trovati a perdere ricorsi su ricorsi, e i loro Comuni a dover pagare rimborsi milionari, mettendo a rischio la tenuta finanziaria dell’Ente. Ora, per fortuna, il vento sta cambiando”. Bordero ricorda, al termine della consegna, che all’Associazione “Liberi dall’azzardo”, presieduta dall’on. Michele Scandroglio (nella foto), hanno aderito di recente numerosi parlamentari di tutti gli schieramenti: gli on. Angeli, Barani, Beccalossi, Bellotti, Bergamini, De Corato, Di Virgilio, Formichella, Foti, Gottardo, La Loggia, Lisi, Mantovano, Pagano, Pelino, Saltamartini (Pdl), Binetti, Carlucci, Cera, Compagnon e D’Ippolito (Udc), Bobba e Tullo (Pd), Montagnoli (Lega Nord), Raisi (Fli).

Commenta su Facebook


Realizzazione sito