Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Genova. Il Mil si scaglia contro la pubblicità di Sisal

In: Apparecchi Intrattenimento, Associazioni

9 febbraio 2012 - 17:23


sisalpubblicità

(Jamma) Arriva da Genova l’ennesima denuncia del Mil, Movimento indipendentista ligure, contro il gioco d’azzardo. E questa volta ad essere messa sotto accusa è una delle dieci concessionarie dello stato: la Sisal

“Il giorno martedì 7 febbraio 2012 – tuona il Mil in una nota – abbiamo assistito ad un autentica ‘offensiva pubblicitaria’ della Sisal: i quotidiani “Corriere della sera”, “la Repubblica”, “il Giornale”, “La Stampa”, “Il Messaggero”, “Il Giorno”, hanno pubblicato due pagine intere di pubblicità a colori e il giorno sabato 4 febbraio “Il Corriere della Sera” e “la Repubblica” avevano già pubblicato due pagine intere di pubblicità con il titolo molto invitante “Lasciatemi sognare. OGGI il Jackpot è Euro 60.900.000 SuperEnalotto”. E, in basso, quasi per rassicurare-tranquillizzare gli eventuali giocatori, c’erano tre sigle con scritto aams-gioco legale e responsabile – aams – GIOCA IL GIUSTO. La sigla aams sta per Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato”.
“Per questi motivi – prosegue la nota del Mil – chiediamo: alle Autorità competenti d’intervenire affinché la sigla “aams” almeno non venga usata nella “disdicevole” pubblicità che invoglia a giocare e di valutare se ritengano giusto che le varie “manovre” debbano colpire duramente i Cittadini, senza invece fare nulla a carico delle dieci società di slot-machine dalle quali andrebbero “recuperati” i 98 miliardi di euro”.
“Alle Associazioni dei Consumatori – conclude la nota – è loro dovere di intervenire, a tutela di cittadini che, presi dalla “malattia del gioco”, stanno letteralmente rovinando le loro famiglie”.

Il Mil preannuncia che il documento-denuncia verrà inviato al Capo del Governo e ministro delle Finanze Mario Monti, al Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano, alla Corte dei Conti del Lazio, alle Procure della Repubblica di Roma, Genova, Milano e Potenza.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito