Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Consorzio Co.na.m.i. incontra Baretta. Landro (Vicepresidente): “Tassa 500 mln non può essere sostenuta interamente dai gestori e dagli esercenti”

In: Associazioni

21 aprile 2015 - 17:07


landro

(Jamma) Una delegazione del Consorzio Conami è stata ricevuta dal sottosegretario on. Pier Paolo Baretta per esprimere le proprie osservazioni in merito alla bozza di Decreto Fiscale in corso di approvazione. L’incontro, improntato a un sereno e costruttivo scambio di vedute, ha consentito ai rappresentanti del CO.NA.M.I. di presentare le istanze dei propri associati, Gestori di Apparecchiature da intrattenimento AWP. Sono state evidenziate le criticità di alcuni aspetti del decreto che rischiano di far collassare l’attività di oltre 5.000 imprese impegnate da più di 10 anni sul territorio nella conduzione delle Awp. Grazie al contributo e agli investimenti dagli stessi, sostenuti per garantire una continua evoluzione tecnologica  dei prodotti, lo  Stato  ha incassato  circa 3 miliardi  di Euro l’anno di introiti erariali.
L’attuale carico fiscale straordinario, introdotto dalla legge di stabilità, non potrà essere sostenuto interamente dai gestori e dagli esercenti,  come imposto dalle proposte di rinegoziazione definite dai Concessionari.
La delegazione – come spiega Nunzio Landro, Vice Presidente Vicario CO.NA.M.I.-  ha presentato una proposta di più equa applicazione della tassa legata alla reale raccolta delle macchine detratti i premi pagati ai giocatori e le tasse, che, sebbene gravosa, potrebbe almeno consentire di tenere in vita le aziende, applicando inoltre un criterio chiaro di ripartizione tra il Concessionario – Gestore – Esercente.
In caso contrario si dovrà mettere in conto un impatto occupazionale negativo che riguarderà la perdita di lavoro di almeno 50.000 addetti.
E’ stata inoltre rappresentata al Sottosegretario la preoccupazione della categoria per la ventilata ipotesi di introdurre un nuovo prodotto derivato dalle VLT, chiedendo di scongiurare tale eventualità in funzione della salvaguardia del profilo di intrattenimento proprio delle attuali AWP, basato su puntate in moneta con vincite limitare e controllate su ciclo orario. Ampia disponibilità invece ad avviare un processo di rinnovamento del parco nell’arco dei prossimi 2 anni, con l’introduzione di nuove funzioni atte garantire il massimo livello di controllo nell’acceso al gioco e  dei fenomeni compulsivi.
In tale scenario si potrà contare sull’apporto progettuale e industriale dei costruttori e sviluppatori nazionali di apparecchiature, che vantano una base di esperienza consolidata in grado di competere con la più qualificata concorrenza,  garantendo i livelli occupazionali del settore.
I rappresentanti del Consorzio CO.NA.M.I. hanno manifestato la disponibilità a collaborare alla riorganizzazione della rete di vendita finalizzata ad una riduzione del parco macchine attualmente installato,  auspicando di poter continuare a lavorare in un contesto di regole certe e in un mercato nel quale dovrebbe consolidarsi una produttiva collaborazione tra i vari soggetti della filiera nel reciproco rispetto dei ruoli di ciascuno.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito