Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Comitato di presidenza AS.TRO: allestite le commissioni e impartite linee guida

In: Apparecchi Intrattenimento, Associazioni

9 gennaio 2015 - 13:54


slot ragazze

A seguito della riunione del comitato di presidenza AS.TRO, sono state allestite le due commissioni di consiglieri, rispettivamente incaricate,

la prima, di proseguire la trattativa collettiva con i singoli concessionari (limitatamente ai generali profili dello “spacchettamento” dei 500 milioni tra AWP e VLT e della prevenzione degli abusi contrattuali),

la seconda, coordinata dal responsabile per le relazioni istituzionali Lino Felissari, di procedere alla rivisitazione della bozza di decreto attuativo della legge delega fiscale, in ottica di tutela della figura del gestore e del costruttore di awp.

Le linee guida approvate dal comitato di presidenza sono state le seguenti:

Per quanto riguarda la legge di stabilità (e quindi l’extra-tassa di 500 milioni), si è suggerito a tutti gli operatori di impostare “in default” la contestazione a mezzo p.e.c e raccomandata del rendiconto quindicinale che contempli anche un solo euro di addebito non “ri-negoziato”, avendo cura di specificare la non accettazione del “solo” maggior importo dedotto e quindi astenendosi da ogni versamento aggiuntivo non precedentemente pattuito. Si rammenta a tutti gli iscritti, infatti, che i rendiconti quindicinali diventano “definitivi”, laddove decorra il termine contrattualmente previsto per la relativa contestazione, la quale sola, può impedire che essi diventino prova scritta di un debito accettato.

L’Associazione, infine, procederà a incontrare singolarmente i 13 Concessionari al fine di prevenire e contrastare abusi ai danni dei gestori, nonché affermare la necessità dello “spacchettamento” del tributo straordinario – in parti eguali – tra il segmento awp e il segmento VLT.

Affermato questo principio, sarà poi la personale contrattazione del gestore a dover collocare i “dettagli” del rapporto alla luce della propria peculiarità aziendale.

Per quanto riguarda l’attuazione della delega fiscale, il coordinatore si avvarrà di tre tipologie di competenze (tecniche, giuridiche, aziendali), garantite dalla turnazione dei consiglieri di presidenza e dallo staff di consulenti dell’Associazione, per ricostruire una più equa e accettabile intelaiatura della futura disciplina di settore, che eviti la minaccia (ancora persistente e attuale nella bozza di decreto ancora insediata) della scomparsa del gestore e del costruttore di awp. Ultimate le “schede” per materia e per profilo, proseguiranno i confronti istituzionali peraltro già avviati.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito