Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Calcioscommesse. Codacons e Federsupporter non ammesse al dibattito dinanzi alla Commissione disciplinare

In: Associazioni, Scommesse, Sport

1 giugno 2012 - 15:18


calcio-corrotto

Calcioscommesse. Lolli (Pd): “Massima fiducia nella giustizia sportiva”

 

Scommesse. Antonello Ardituro (DDA Napoli): “Stop alle scommesse almeno negli ultimi due turni del campionato”

 

(Jamma) Codacons e Federsupporter, nonostante la tempestiva e rituale presentazione dell’istanza di partecipazione al dibattimento dinanzi alla Commissione Disciplinare Nazionale della FIGC, a seguito di espressa richiesta della Procura Federale alla Commissione di non ammettere le Associazioni al dibattimento stesso, hanno visto accogliere la richiesta della Procura Federale.
La Commissione, infatti, riunitasi in Camera di Consiglio, con propria ordinanza ha escluso dal procedimento sia Federsupporter sia il Codacons, rilevato che, così come rappresentato dalla Procura Federale, entrambe le Associazioni “non sono soggetti dell’ordinamento federale “ .
Il CODACONS contesta tale esclusione e sta valutando di proporre appello; a tal proposito ritiene opportuno sottolineare quanto è emerso leggendo gli atti della Procura della Repubblica del Tribunale di Cremona. A pag. 16 dell’ordinanza del Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale Penale di Cremona, emessa il 22 maggio scorso, si legge : “ Talmente estesa è l’attenzione, l’entusiasmo e la fiducia nelle competizioni calcistiche, nella dimensione della socialità, e talmente elevati sono gli interessi economici che vi ruotano intorno, nella dimensione quindi di un segmento importante dell’economia, che l’alterazione di partite è percepita, a torto o a ragione, come non meno grave di fenomeni di corruzione che avvengono nel campo politico-amministrativo e danneggia, con l’arricchimento sleale che esso comporta, un enorme numero di soggetti: non solo lo Stato e le società calcistiche, ma milioni di tifosi che si sentono colpiti da sentimenti di delusione e di inganno”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito