Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

As.Tro. Regione Lombardia: con nuova delibera della Giunta si definiscono i criteri applicativi della Legge anti-slot

In: Associazioni, Cronache

3 febbraio 2014 - 15:18


astro

(Jamma) “Con la delibera che si allega alla presente nota, – scrive in un comunicato l’associazione As.tro. – la Giunta Regionale ha chiarito:

  1. che la moratoria sulle nuove installazioni di apparecchi non intacca “l’esistente” e non vieta la sostituzione del congegno guasto o meritevole di cambio-titolo attualmente insediato, ivi compresa l’eventualità di “cambio” imposto da evoluzioni normative.

  2. che la distanza tra “la slot” e il luogo sensibile dovrà essere misurata dal “singolo Comune” adottando il criterio più restrittivo “ tra quello che prevede un raggio di 500 metri dal baricentro del luogo sensibile, ovvero un raggio di 500 metri dall’ingresso considerato come principale.

Parte dei timori e delle perplessità espresse in precedente nota associativa, in ordine alla indeterminatezza dell’applicazione della Legge Regionale, trovano pertanto conferma.
Da un lato, infatti, la Giunta Regionale si avvede della necessità di “pronunciarsi” su come calcolare “la distanza” di protezione tra luogo sensibile e locale candidato alla nuova installazione di congegni (anche videogiochi); dall’altro lato, conferma (implicitamente) come la Legge Regionale assegnasse alla Giunta solo e specificamente il compito di “determinare la distanza massima” e non anche le modalità di calcolo della stessa, le quali, pertanto, si confermano adottate con una procedura “doppiamente sfornita di conforto normativo”: il rinvio al Comune, infatti, non è conforme al testo della Legge Regionale, che sul punto non arreca competenze specifiche alle Municipalità, se non quella eventuale di adottare provvedimenti specifici di nuove individuazioni di luoghi sensibili; l’assoggettamento dei Comuni ad una “Linea guida regionale” per l’ottenimento del massimo effetto di allontanamento della slot dal luogo sensibile, infine, risulta anche essa determinazione dell’esecutivo locale, che non è contemplata dalla Legge Regionale e che la Giunta ha deciso di introdurre per garantire uniformità di applicazione della Legge (della cui indeterminatezza si da quindi ulteriore riprova)

Di seguito si allega  Il testo della delibera per la norma in Lombardia  in formato PDF

Commenta su Facebook


Realizzazione sito