Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Alea e And. ‘Decreto Balduzzi insufficiente. Serve un testo unico’

In: Associazioni, Cronache

7 gennaio 2013 - 13:07


AND
Macerata. Lotto reale in un esercizio pubblico, 11 denunciati
Il gioco on line protagonista della web economy italiana

(Jamma) “Pur avendo apprezzato il tentativo da parte del ministro della Salute di affrontare una problematica ormai ineludibile – il giudizio che Alea e And danno al decreto n. 158- è di complessiva insufficienza”. E’ questo, in generale e con estrema sintesi, il commento fornito in un comunicato congiunto dalle associazioni Alea (Associazione per lo studio del gioco d’azzardo e i comportamenti a rischio) e And (Azzardo e nuove dipendenze) sul decreto Balduzzi, convertito in legge lo scorso 8 novembre.

Le 2 associazioni esaminano il decreto e affermano:

“Il giudizio che Alea e And danno al decreto n. 158 è di complessiva insufficienza, pur avendo apprezzato il tentativo da parte del Ministro della salute di affrontare una problematica ormai ineludibile, ma che solleva un enorme conflitto di interesse nello Stato. Non sfugge che la situazione finanziaria attuale caratterizzata contemporaneamente da ingentissimi sprechi e privilegi, nonché da un indebitamento insopportabile, ha reso l’azzardo una voce di entrata assai significativa e alla quale si sta attingendo con eccessiva noncuranza rispetto alle conseguenze culturali, sociali, e sanitarie; vengono in tal modo rinnegate tutte quelle considerazioni che hanno sempre portato a ritenere l’azzardo una tipologia sostanzialmente differente da altre forme di intrattenimento. L’avventatezza istituzionale, la spregiudicatezza nell’aver permesso una diffusione capillare ed ubiquitaria, l’avidità ingravescente che ha spinto i governi e il legislatore a “commissionare” sempre nuovi introiti dal settore giochi, infine l’apparente indisponibilità a  ornare su queste decisioni, porta a sostenere che lo Stato sia divenuto gravemente dipendente dal gioco d’azzardo e che qualsiasi provvedimento vagamente limitativo venga temuto al pari di una sindrome d’astinenza.

Del cosiddetto decreto Balduzzi sono circolate in rete e sulla stampa innumerevoli bozze. A partire da tali testi, è facile evidenziare un progressivo decadimento della intenzionalità riformatrice del governo, fino ad arrivare ad una versione del tutto ripulita dalle norme più incisive. Il successivo passaggio in aula ha permesso l’introduzione di alcuni correttivi che, seppur nella direzione giusta, non modificano la sostanziale insipidezza del provvedimento.

Esistono equivoci e incompletezze che potrebbero aprire le porte a iniziative francamente pericolose (ad esempio interventi ambigui a livello scolastico, possibilità di tracciamento dei comportamenti individuali di gioco). Il punto qualificante del decreto è rappresentato dall’importante e doverosa decisione di inserire il gioco d’azzardo patologico nei livelli essenziali di assistenza.  ’iniziativa viene di fatto depotenziata dalla rinuncia a reperire finanziamenti dedicati e finalizzati all’avvio sistematico di iniziative di cura e prevenzione. La norma rinuncia a dare indicazioni omogenee alle Regioni affinché sia sviluppato un sistema di monitoraggio epidemiologico, di assistenza e di prevenzione nel settore. Di per sé il provvedimento non afferma nemmeno la competenza dei dipartimenti per le dipendenze nella implementazione degli interventi sociosanitari.

Il secondo punto forte del decreto è quello relativo alla limitazione della pubblicità e alla diffusione di informazioni sui rischi di dipendenza. La materia è oggettivamente difficile se si vuole evitare di assumere posizioni draconiane e proibizionistiche. Viene posta particolare attenzione a limitare la promozione dell’azzardo negli ambiti dedicati ai minori. Tuttavia la norma non sembra di facile attuazione. Soprattutto essa manca di raccogliere nozioni ben diffuse in ambiente scientifico che attribuiscono ai cosiddetti pensieri erronei dei giocatori un fattore significativo di spinta verso l’azzardo: non viene posta alcuna limitazione a messaggi promozionali che stimolano e sfruttano questi errori cognitivi a tutto vantaggio dell’industria. Il terzo punto di rilievo introdotto dal decreto è rappresentato dal rafforzamento della protezione dei minori, in particolare con il divieto dell’accesso del minore di anni 18 nelle sale prevalentemente o totalmente dedicate al gioco. Tale  ecisione non può che essere approvata, pur nella consapevolezza che il modello distributivo dei giochi rende difficile una limitazione realmente importante, almeno finché il concetto di pericolosità e di sanzione non verrà interiorizzato dai gestori. Le sanzioni per le violazioni in tema di pubblicità e gioco minorile appaiono significative; tuttavia anche in questo caso la diffusione capillare dei punti gioco rende assai arduo effettuare controlli veramente dissuasivi.

È quindi evidente che la focalizzazione della norma su aspetti particolari e specifici (quali ad esempio, tutela dei minori e limitazione della pubblicità) ancor prima di avere disposto su ambiti più generali e di più ampio respiro (ad esempio, definizione di un modello distributivo del gioco d’azzardo lecito nel territorio, enunciazione del rapporto atteso tra benefici e costi, programmazione della valutazione dell’impatto socialmente sostenibile, pianificazione delle strategie di tutela delle fasce di popolazione vulnerabili, ecc.) appare limitante e persino confusivo, finendo per allontanare il legislatore dalla formulazione di un articolato completo e di ampio respiro, come la materia dell’azzardo necessiterebbe. L’emanazione di un «Testo unico delle leggi in materia di disciplina dei giochi d’azzardo, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di dipendenza», così come a suo tempo fu fatto in materia di stupefacenti e tossicodipendenze con il decreto del Presidente della Repubblica n. 309 del 9 ottobre 1990, appare quanto mai opportuno e auspicabile. Ciò che agli operatori sociali e sanitari del settore appare molto chiaro è che il decreto legge n. 58 pecca soprattutto per omissioni: ci si attendeva forse un atto più coraggioso da parte del governo, un segnale forte di cambiamento di rotta. Ciò che si è visto invece è il prevalere della pressione incoercibile alla ricerca di denaro da chiunque e comunque arrivi.

A questo punto, una volta formalizzato l’inserimento del GAP nei LEA, la gestione passerà alle Regioni che dovranno dare applicazione al decreto nei modi che ognuna riterrà più consono”.

 

Di seguito il comunicato, contenente anche l’analisi degli art. 5 e 7 del DL 158/2012 convertito con L 189/2012, pubblicato dalle due associazioni:

Leggi comunicato 

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito