Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

A.G.C.A.I.: “Invitiamo il dott. Marini (ACADI) a rivedere il concetto di redditività degli apparecchi”

In: Associazioni

5 maggio 2015 - 13:22


slot rulli45 lavagna

(Jamma) – In un comunicato l’associazione AGCAI cita il dott. Marini, Presidente di ACADI, che parlando della propria proposta di ripartizione dell’addizionale che prevede il 70% a carico dei gestori-esercenti Awp e il residuo 30% a carico dei Concessionari (proposta non condivisa e fortemente respinta da A.G.C.A.I.) ha dichiarato testualmente «… noi avevamo proposto un criterio proporzionale, basato sulla redditività delle macchine. Nel 2014, le AWP hanno assicurato il 70% dei ricavi del segmento degli apparecchi, le Vlt il 30% …»”.
“Il dott. Marini – prosegue il comunicato – bene ha fatto a far riferimento alla redditività delle macchine quale criterio da utilizzarsi per ripartire in misura proporzionale il dazio straordinario previsto dalla Legge di Stabilità 2015 ma, a causa molto probabilmente della frenesia che ha coinvolto tutti negli ultimi convulsi giorni a ridosso della scadenza della prima tranche dell’addizionale, il Presidente (al pari di As.tro) ha assimilato il concetto di redditività della singola macchina con la raccolta annua di giocate registrata dagli apparecchi. Certamente l’errore sta nell’aver confuso il Preu (che va calcolato sulla raccolta) con un’addizionale che, come previsto testualmente dalla normativa di riferimento, va ad incidere sul reddito di ogni singolo apparecchio.
Ricordando che la Legge di Stabilità 2015 parla espressamente di riduzione di aggi e compensi, l’unico elemento a cui far riferimento, per ripartire in misura equa la tassa, è l’utile medio che ciascun apparecchio è in grado di avere nell’anno e non, erroneamente, la raccolta totale degli apparecchi nei dodici mesi.
Dati ufficiali alla mano (molto precisamente calcolati da AS.TRO), sono sufficienti semplici operazioni per quantificare il guadagno netto che il singolo apparecchio è in grado di ottenere: la redditività lorda annua per la singola Awp è fissata in € 8.800,00 (da suddividersi in misura paritaria tra Gestore ed Esercente) a fronte dei € 27.324,00 calcolati per la singola Vlt; presupponendo un eguale costo di gestione annuo di € 3.000,00 per singolo apparecchio (Vlt e Awp), l’utile netto per ciascun operatore della filiera viene così determinato: Gestore Awp: € 1.400,00; Esercente Awp: € 4.400,00; Concessionario Vlt: € 24.324,00.
Sulla base di questi dati indicanti la reale distribuzione del guadagno medio, invitiamo, pertanto, il dott. Marini, accantonata la frenesia degli ultimi giorni, a rivedere le percentuali di ripartizione dell’addizionale dallo stesso indicate nell’intervista e che, per agevolare i calcoli, anticipiamo essere le seguenti: circa 80% Vlt – e circa 20% Awp, il tutto dipende dalla variabilità dei costi fissi imputabili alle due macchine, percentuali oggetto della proposta portata avanti in questi giorni e anche in futuro da A.G.C.A.I.
Il dott. Scanzani – comitato di Presidenza AS.TRO – in una sua intervista parla di una soglia di break even pari ad € 350,00 mensili al di sotto della quale non si riescono nemmeno a coprire i costi dell’impatto economico-finanziario, il dott. Perla – delegato SA.PA.R. – dichiara che oggettivamente la singola Awp non ha un guadagno medio annuo superiore ai mille euro, AS.TRO individua, nella propria relazione, in € 277,98 la misura del risultato operativo annuo per il singolo Gestore … Egregio dott. Marini crediamo che questi numeri siano sufficienti per avere certezza sulla reale redditività degli apparecchi Awp e per consentirLe di rideterminare, in misura proporzionale a tale redditività, le percentuali di ripartizione dell’addizionale.
Auspichiamo che al momento della stesura della Delega Fiscale si tenga conto della reale redditività degli apparecchi attuando, così, le percentuali di ripartizione dell’addizionale come sopra illustrate, tutto ciò al fine di garantire un futuro sereno per l’intero comparto del gioco. Per questo motivo ci tenevamo ancora una volta a far chiarezza oltre per difendere interessi dei gestori ma soprattutto per una serena e proficua collaborazione .

A.G.C.A.I per info:CELL: 3920655213 CELL: 3939245116”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito