Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

16 organizzazioni unite per la campagna nazionale contro il gioco patologico

In: Apparecchi Intrattenimento, Associazioni, Cronache

12 giugno 2012 - 15:39


ludopatia

Licenziamenti Festa Snai: continua la polemica

 

(Jamma) Parte la campagna nazionale di sensibilizzazione contro il gioco d’azzardo e i rischi legati alla ludopatia. A lanciare: ””Mettiamoci in gioco”, titolo scelto per l’iniziativa, ben 16 organizzazioni (Acli, Alea, Arci, Auser, Avviso Pubblico, Cnca, Conagga, Federconsumatori, FeDerSerD, Fict, Gruppo Abele, InterCear, Libera, Uisp) che si ritroveranno a Roma giovedì prossimo, alle ore 11, presso il salone della Federazione Nazionale della Stampa Italiana in Corso Vittorio Emanuele II, 349.

Il Codice penale, ricordano i promotori, limita fortemente il gioco d’azzardo nel nostro paese, eppure nel solo 2011 sono stati spesi 80 miliardi di euro in lotterie, slot machine, poker, scommesse e giochi d’azzardo vari, immessi sul mercato negli ultimi anni a ritmi sempre più frenetici.
Questa somma ingentissima, di cui solo l’11% è andata a beneficio delle casse erariali, ha portato l’Italia ad essere il primo Paese al mondo per spese pro-capite per il gioco d’azzardo. Il numero dei giocatori e’ aumentato enormemente, coinvolgendo anche tantissimi giovani, casalinghe e pensionati.
Una crescita definita ”impetuosa, ma non indolore” con i costi sanitari, sociali, relazionali e legali del gioco d’azzardo aumentati in misura proporzionale. Secondo alcune ricerche, infatti, il 2.2% della popolazione adulta italiana risulta essere a rischio per il gioco d’azzardo se non addirittura ”vittima” di una patologia.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito