Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Videolotterie. Per l’incremento del Preu milioni di euro in meno nei bilanci dei concessionari

In: Apparecchi Intrattenimento, Videolottery

25 maggio 2012 - 17:03


salvadanaio

Il paese dei maestri ignoranti di Eugenio Bernardi

 

(Jamma) La chiusura del primo bilancio trimestrale delle società concessionarie di rete porta alla luce di effetti derivanti dall’incremento dell’imposta di prelievo erariale sulla raccolta di gioco dei terminali delle videolotterie passato, dal 1 gennaio 2012, dal 2 al 4%.

 

Cirsa ad esempio, società concessionaria della rete di connessione e titolare di 2.583 diritti per l’installazione di altrettanti terminali, conta 2.050 apparecchi in funzione. L’applicazione della nuova imposta (raddoppiata rispetto all’anno precedente) ha determinato, insieme ad altre cause, un decremento del margine operativo lordo del 5,6% (da 9 a 8,5 milioni). Nello specifico la società quantifica in 2 milioni di euro l’impatto negativo legato all’incremento del 2% del Preu.

 

Gli effetti di questo interventi appaiono però diversi a seconda della tipologia della piattaforma adottata dal concessionario. In almeno un caso infatti parte dell’aumento del prelievo erariale (quasi per intero per l’esattezza) è stato assorbito dalla percentuale della raccolta prima destinata ai premi dei Jackpot . Quindi ‘spalmata’ sulla platea dei giocatori potenziali vincitori.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito