Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Sala Vlt. Il Tar accoglie ricorso del Comune di Bolzano e sospende licenza rilasciata dalla Provincia

In: Apparecchi Intrattenimento, Diritto, Videolottery

8 marzo 2012 - 16:28


vltbetter

(Jamma) Esito positivo per il ricorso con sospensiva proposto dal Comune di Bolzano avverso il provvedimento della Provincia che consentiva l’apertura di una sala giochi con Vlt.

Il TAR ha infatti confermato l’ordinanza di sospensiva, motivando che da un primo sommario esame il ricorso appare fondato e ritenendo comunque preminente l’interesse pubblico alla prevenzione dal vizio del gioco. Le pretese risarcitorie della società che aveva ottenuto la licenza per l’apertura della sala Vlt fornite da Lottomatica, fa sapere in una nota ufficiale il Comune “per presunta temerarietà della lite proposta dal Comune, perdono ogni consistenza a fronte della pronuncia del TAR che afferma, all’opposto, che ci sono validi motivi per ritenere che anche la sala c.d. “dedicata” che la società intenderebbe aprire all’ex Masetti debba soggiacere ai divieti previsti dalla norma provinciale (in presenza di c.d. siti sensibili nel raggio dei 300 metri). La licenza infatti era stata rilasciata prima che la provincia emanasse la norma che limita l’apertura di sale nella vicinanza di luoghi sensibili, come scuole e ospedali.

Per il sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli che ha voluto sottolineare l’ottimo lavoro svolto dell’avvocatura comunale: “La pronuncia è un importante traguardo per la politica condotta negli ultimi tempi dal Comune, volta a delimitare e contenere il fenomeno della proliferazione delle sale giochi in città”.

La sentenza del Tar

Il Tar motiva la pronuncia con la quale sospende l’efficacia della licenza rilasciata dalla Provincia sulla base della considerazione che “ad un primo sommario esame il ricorso appare sostenuto da apprezzabile fumus boni iuris e considerato inoltre che, nella comparazione degli interessi coinvolti, prevale l’interesse pubblico alla prevenzione del vizio del gioco”. Si fissa la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 13 giugno 2012.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito