Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Tassa 500 mln Stabilità. Oggi al Tar altri tre nuovi ricorsi

In: Apparecchi Intrattenimento

15 aprile 2015 - 11:26


tarlazio

(Jamma) Udienza oggi al Tar del Lazio per tre nuovi ricorsi presentati da alcune società contro la norma contenuta nella legge di Stabilità che impone una riduzione degli aggi su slot e Vlt per complessivi 500 milioni di euro. Le tre società chiedono in sostanza l’ annullamento del decreto del 15.01.2015 con il quale l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha comunicato la ripartizione del versamento del compenso previsto per i concessionari e soggetti che operano nella gestione e raccolta del gioco mediante apparecchi di cui all’art. 110 comma 6 del TULPS.

Con la decisione del Tar Lazio del 2 aprile scorso su altri 20 ricorsi dello stesso tenore si può quindi dire che la situazione si può dure tutt’altro che risolta. I giudici avevano respinto la richiesta delle di sospendere la tassa dei 500 milioni prevista dalla Legge di Stabilità fissando l’udienza pubblica al prossimo primo luglio. “Non è dimostrato che ottemperando tutti i soggetti della filiera  – all’obbligo di versare i 200 milioni di euro previsti dalla prima rata della tassa sulle slot – sussista un pregiudizio irreparabile nelle more della decisione”. E’ quanto si legge nelle motivazioni dell’ordinanza della Seconda Sezione del Tar Lazio. Il Collegio ha ribadito , inoltre, che “ottemperando tutti i soggetti della filiera, l’imposta ammonta a 200 milioni”.

A pochi giorni dalla scadenza del termine previsto per il 30 aprile del versamento di questa prima ‘rata’ esercenti e gestori non sembrano aver trovato un accordo con i concessionari. Dal Governo , intanto, arrivano gli inviti a risolvere la controversia e a trovare una soluzione al fine di adempiere ad un obbligo di legge.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito