Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Tar Lazio respinge richiesta sospensiva tassa 500 mln. Scadenza resta al 30 ottobre

In: Apparecchi Intrattenimento, Diritto

22 ottobre 2015 - 11:51


TAR_sentenza

(Jamma) Il Tar Lazio ha negato la sospensiva sui ricorsi contro la tassa dei 500 milioni che la legge di stabilità ha addossato alla filiera delle slot. Nell’udienza che si è tenuta ieri di fronte alla Seconda Sezione, le società concessionarie avevano chiesto di sospendere la seconda rata da 300 milioni, che dovrà essere pagata entro il 30 ottobre.Secondo il collegio i ricorrenti non hanno “esaustivamente dimostrato che la riduzione dei compensi ai sensi dell’art.1, comma 649, della legge n. 190/2014, avrebbe un’incidenza sul suo equilibrio economico complessivo tale da mettere a rischio la sua operatività nelle more della definizione del giudizio“.

I giudici hanno precisato chela stessa Sezione “con l’ordinanza n. 1465 del 2.4.2015, ha respinto la domanda cautelare proposta dalla ricorrente evidenziando in motivazione, tra l’altro, che “non appare compiutamente dimostrato che, ottemperando tutti i soggetti della filiera a quanto disposto dall’art. 1, comma 649, della legge n. 190/2014 e dal provvedimento impugnato, sussista un pregiudizio irreparabile nelle more della decisione del merito del ricorso” e che “secondo l’art. 58, comma 1, cod. proc. amm., la domanda cautelare può essere riproposta “se si verificano mutamenti nelle circostanze” o se le parti “allegano fatti anteriori di cui si è acquisita conoscenza successivamente al provvedimento cautelare” e, in tale caso, “l’istante deve fornire la prova del momento in cui ne è venuto a conoscenza”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito