Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Sulla Delega Fiscale la battaglia tra gli operatori del settore delle slot

In: Apparecchi Intrattenimento

28 novembre 2014 - 11:04


Konami slots at Casino Dinant in Belgium

(Jamma) – Nella bozza di legge in circolazione in questi giorni circa le disposizioni della legge Delega Fiscale, spacciate per richieste di un intero settore, quello degli apparecchi automatici, i redattori scrivono:
Nei punti di offerta di gioco costituiti da esercizi generalisti principali, che hanno una superficie
superiore a venti metri quadrati, è consentita l’installazione. attivazione ed operatività degli apparecchi di cui all’articolo 110, comma 6, lettera a), dei Tulps esclusivamente alle seguenti condizioni:
a) se, a tale fine, l’esercizio dispone al proprio interno di uno spazio appositamente separato o
dedicato [di superficie non inferiore a …;
b) se all’interno di tale spazio non vi sono, in ogni caso, più di quattro apparecchi:
c) se lo spazio è materialmente distinto dalla restante parte dell’esercizio, in quanto chiuso da porte o attrezzature equivalenti che, in ogni caso, ne impediscono, a meno di apposito permesso, l’ingresso al pubblico frequentatore dell’esercizio e che, in ogni caso, non consentono visibilità dell’area interna allo spazio;
d) se l’ingresso allo spazio è consentito esclusivamente a pubblico maggiorenne in ogni caso autorizzato di volta in volta dal titolare dell’esercizio ovvero dal personale addettovi di cui il titolare risponde;
e) se, in alternativa all’autorizzazione di volta in volta di cui alla lettera d), l’ingresso allo spazio è consentito attraverso sistemi di apertura automatica delle porte ovvero delle attrezzature equivalenti di accesso allo spazio resi disponibili a pubblico maggiorenne, previa sua identificazione da parte del titolare dell’esercizio in caso di dubbio sull’età;
f) se, in alternativa alle limitazioni di accesso di cui alla lettere d) ed e). fermo in ogni caso il vincolo della non visibilità dell’area interna allo spazio, gli apparecchi posti nello spazio possono essere attivati esclusivamente mediante lettura o inserimento di codici numerici o alfanumerici esclusivi del giocatore.

4. l giochi pubblici di cui all’articolo 7, comma l, lettere da a) a c), sono altresì consentiti solo nello spazio separato o dedicato di cui al comma 3, quale punto di offerta di gioco anche di un singolo concessionario ovvero quale punto secondario di offerta di gioco della rete fisica di raccolta dei concessionari dei giochi pubblici di cui alle predette lettere.

IN ALTERNATIVA
4.I giochi pubblici di cui all’articolo 7, comma l, lettere da a) a c), sono consentiti negli esercizi generalisti primari ancorché all’interno dello spazio separato o dedicato di cui al comma 3 quale punto di offerta di gioco anche di un singolo concessionario, in considerazione della loro natura di gioco ad accesso mediato da persona fisica, che assicura una fruizione del gioco sorvegliata e limitata esclusivamente a pubblico maggiorenne.

5. Fuori dai casi cui al comma 3, il gioco mediante apparecchi di cui all’articolo 110, comma 6, lettera a), del Tulps è consentito nelle sale gaming hall senza le limitazioni strutturali dello spazio o dedicatovi di cui al medesimo comma 3. In ogni caso, nelle predette sale/gaming hall il gioco mediante apparecchi di cui all’articolo 110, comma 6, lettera b), del Tulps è consentito esclusivamente se in esse sono installati ed operativi non meno di … apparecchi di tale specie.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito