Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Pavia. Prevista in settimana l’approvazione del regolamento per limitare il gioco d’azzardo

In: Apparecchi Intrattenimento, Cronache, Newslot, Videolottery

13 giugno 2012 - 10:20


slot_1

Significativa presenza al corteo ‘No slot’ di Pavia

 

Tuenno. Il comune limita l’installazione di slot

 

Prato. Nuovo regolamento comunale per limitare l’installazione di slot e vlt

 

(Jamma) Continua la battaglia di Pavia contro il gioco d’azzardo, dopo la manifestazione di sabato scorso che ha visto la partecipazione di oltre 400 persone al corteo guidato dal vescovo monsignor Giovanni Giudici per protestare contro l’eccessiva diffusione di apparecchi da intratteniento in città: una ogni 126 abitanti.

Il lavoro più importante dovrebbe esser compiuto questa settimana, quando al consiglio comunale approderà un provvedimento che fissa criteri molto restrittivi per l’installazione di slot e apparecchi simili. Il testo del provvedimento è già stato scritto: niente slot machine nel raggio di 500 metri da scuole, ospedali, oratori, collegi universitari; niente slot in prossimità di incroci urbani di grande passaggio; regole edilizie più stringenti da applicare a bar e sale giochi che decidono di imitare Las Vegas (ad esempio gli apparecchi non potranno essere montati in salette riservate); obbligo di installazione di sistemi di videosorveglianza. «In effetti la questione deve essere studiata bene sotto il profilo giuridico – racconta Alessandro Cattaneo, 32 anni, sindaco Pdl di Pavia – perché non si trasformi in un boomerang. Ma la nostra intenzione è inserire tutte le norme nel regolamento di polizia urbana». Rispetto alla guerra combattuta (e persa) da Verbania, Pavia può contare su un’arma in più: una sentenza del novembre scorso della Corte Costituzionale dove viene riconosciuta la competenza degli enti locali riguardo alle «conseguenze dell’offerta di giochi su fasce di consumatori psicologicamente più deboli». «Siamo di fronte a una vera e propria emergenza sociale – denuncia Francesco Adenti, consigliere comunale di maggioranza che ha elaborato la proposta anti slot – con famiglie ridotte sul lastrico costrette a rivolgersi ai servizi sociali».

Commenta su Facebook


Realizzazione sito