Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Newslot 3. Ecco le nuove regole tecniche

In: Apparecchi Intrattenimento, Newslot

5 luglio 2012 - 10:27


AWPgaming

Nuovo protocollo di comunicazione comma 6a

 

Newslot 3. Confermate le modifiche agli apparecchi. Disaccordi gli enti di omologa

 

Fino a quando si penserà di risolvere problemi presunti e reali tramite i mezzi elettronici o informatici non si andrà da nessuna parte.

 

Sapar. Nota sugli accertamenti della Agenzia Entrate

 

(Jamma) Dopo l’incontro conclusivo di ieri durante il quale i Monopoli di Stato hanno avuto l’occasione di illustrare agli enti di omologa il testo finale del decreto di modifica degli apparecchi da intrattenimento volto ad aumentare la sicurezza delle newslot, Jamma è in grado di anticipare le principali modifiche tecniche che riguarderanno la nuova versione di Comma6.

 

Il testo del decreto, frutto del lavoro dell’Amministrazione dei monopoli di Stato che spesso si è confrontata negli ultimi mesi con i tecnici di Sogei, Guardia di Finanza, tecnici di Aams, operatori del settore e enti di omologa, prevede che  ciascun apparecchio sia collegato alla rete telematica di AAMS e consenta a ciascun giocatore di definire un limite di importo da giocare. Esternamente, ogni apparecchio deve esporre le indicazioni sul costo della partita, regole di gioco e divieto di utilizzo ai minori di 18 anni, nonché logo istituzionale di AAMS “Gioco legale e responsabile”.

Gli apparecchi di gioco dovranno essere muniti di soluzioni tecniche in grado di visualizzare i messaggi finalizzati alla promozione del gioco responsabile e il contenuto del contatore CGP. L’inalterabilità dei contatori, delle caratteristiche tecniche il funzionamento e l’erogazione delle vincite dovranno essere assicurati da dispositivi inclusi negli apparecchi di gioco. L’accesso alle componenti sensibili dell’apparecchio di gioco deve avvenire in maniera controllata attraverso l’individuazione del soggetto munito di certificato digitale emesso in conformità agli standard della DigitPA e tramite autorizzazione da remoto. L’accesso alle componenti dovrà avvenire, inoltre, tramite registrazione di tutti gli accessi effettuati.

 

Si dispone che gli apparecchi di gioco siano dotati di soluzioni tecniche che ne bloccano il funzionamento garantendo le comunicazioni con il sistema di controllo di AAMS, anche in presenza di uno specifico comando di blocco trasmesso dalla rete telematica AAMS, e consentono la registrazione degli eventi e degli interventi di manutenzione nell’apposito contatore. Lo stesso contatore permetterà l’acquisizione e la memorizzazione dei titoli autorizzatori AAMS e la relativa visualizzazione a video.

 

Relativamente al controllo della maggiore età del giocatore, si dispone che ciascun apparecchio disponga di un lettore automatico in grado di comprendere quantomeno i codici a barre “Code 39”. Per la verifica della maggiore età del giocatore, la scheda di gioco deve quindi leggere l’apposito codice, estrarre l’anno, il mese e il giorno di nascita del giocatore e verificare così la maggiore età per poter accedere al gioco.

 

Per quanto riguarda le schede di gioco si stabilisce che esse siano provviste di una memoria estraibile contenente il software per la verifica dei message digest dei dispositivi di memorizzazione. Il software di verifica avrà il compito i comparare, ad ogni accensione dell’apparecchio, i valori di message digest e solo in caso di esito positivo avviare il software necessario al funzionamento del programma di gioco. La scheda di gioco dovrà essere inserita in un contenitore rigido e trasparente in grado di impedire l’accessibilità alla scheda di gioco con sigilli ed etichette antieffrazione e dispositivi in grado di comunicare gli interventi non autorizzati e la manomissione del contenitore. La scheda di gioco dovrà implementare il protocollo di comunicazione al fine di consentire il colloquio con il dispositivo di controllo di AAMS e con la rete telematica di AAMS per la gestione e l’accesso alle informazioni registrate. Qualsiasi intervento sulla scheda di gioco potrà essere effettuato esclusivamente dal produttore della scheda stessa.

 

Tra le novità principali relative alle verifiche tecniche degli apparecchi, la proposta dei Monopoli di Stato prevede la specifica verifica di tutte le schede di gioco prodotte. Il produttore di apparecchi da intrattenimento, così come qualsiasi importatore, dovrà altresì richiedere la verifica tecnica dell’esemplare di ogni modello di apparecchio che intende produrre ad uno degli organi di certificazione convenzionati con AAMS. Laddove si intendano apportare modifiche ad un modello già verificato, il produttore dovrà richiedere nuova verifica all’ente omologatore. Nel caso in cui le modifiche riguardino componenti non sensibili dopo la verifica l’organismo di certificazione dovrà dare comunicazione ai Monopoli; nel caso, invece, in cui le modifiche riguardino componenti sensibili, esse dovranno coinvolgere esclusivamente alla prima correzione di bug software afferenti al solo programma di gioco e alla modifica delle caratteristiche hardware della scheda. Qualsiasi modifica attuata dovrà in ogni caso rispettare le caratteristiche previste da AAMS.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito